Rubriche
Italia a colpo d’occhio
Il nuovo governo guardi alle priorità
Il nuovo governo nella sua agenda dovrà mettere ai primissimi posti l’Europa e la sua riforma. Infatti, ogni riforma italiana, che presuppone sempre e comunque una spesa, non potrà prescindere da una profonda rivisitazione degli attuali trattati europei, o perlomeno dall’ottenere un immediato via libera alle più urgenti necessità nazionali per mantenere “quieto” il Paese. L’Italia dovrà avere un impatto forte sull’Europa, andando oltre la riforma sulle politiche migratorie comuni già in cantiere, non bastando da sola, anche Importante ed…
Ci sono anni che, a conti fatti, cioè dopo un congruo periodo di tempo, sono più anni di altri. Il 1978 è stato sicuramente per l’Italia un anno speciale, e questo 2018 sarà pieno di quarantennali speciali. Non solo nel senso celebrativo ma soprattutto in quello storico. Fatti che hanno fatto storia, fatti che hanno provocato ferite di cui portiamo ancora cicatrici ed evoluzioni socio economiche con cui dobbiamo ancora fare i conti. Ci sono ferite ancora aperte socialmente e umanamente. Grandi cambiamenti nelle istituzioni e nelle facce…
La tecnologia dà molto ma qualcosa anche toglie. Quando portavamo le braghe corte - ci vuole una memoria di ferro a ricordare - e d’inverno si andava sotto le coperte intiepidite dalla “scaldina”, prima di dormire ci si augurava che l’indomani fosse candido di neve. E se il desiderio veniva esaudito, era una gioia immensa che partiva dagli occhi per poi diffondersi in tutto il corpo. L’incanto della neve ancora provoca queste sensazioni, anche se... Eccoci allora alla tecnologia. Tv, radio, giornali sono prodighi di anticipazioni che al 99%…
Di fronte ai segni sempre più evidenti dell’arretramento della Chiesa in occidente, quali la chiusura di chiese e l’accorpamento delle parrocchie  per la mancanza di sacerdoti, a cui si aggiungono il calo lento ma inesorabile dei praticanti e la diffusa e crescente indifferenza religiosa delle giovani generazioni, di recente negli Stati Uniti è stato pubblicato un libro dal titolo “The Benedict Option” (L’Opzione Benedetto) scritto da un giornalista protestante, Ray Oliver Dreher, che ha suscitato un grande dibattito anche qui in Europa, nel…
Italia a colpo d’occhio
Si governi solo per il popolo
Da questo lunedì, cinque giorni ci separano dal 4 marzo, giornata elettorale per votare il nuovo Parlamento e il rinnovo del Consiglio regionale della Lombardia. Cinque giorni di piena attività da parte dei candidati con l’augurio che domenica finisca veramente la più lunga campagna elettorale ricordata dalla storia recente. Chi avrà l’onere di governare lo faccia rapidamente e con serietà, pensando esclusivamente al progresso dell’Italia ed al benessere degli italiani. Partiamo dal dato dell’astensionismo previsto in crescita, le ultime…
Italia a colpo d’occhio
Quella Mantova fuori stagione
E’ facile dire com'è bella Mantova venendo in città nei giorni del Festivaletteratura, cioè a inizio settembre, o appena arriva aprile quando i colori della primavera, appena iniziata, fanno risplendere marmi e mattoni, colonne e facciate della capitale dei Gonzaga. Più ardito è visitare Mantova nei giorni di freddo e quasi gelo come questi utlimi che stiamo vivendo. Più ardito ma più affascinante. Bisognerebbe imparare a promuovere le nostre capitali di arte e storia, da Ravenna a Ferrara, da Mantova a Parma, da Siena a Pistoia, anche col…
Il sindaco Palazzi magari si arrabbia di brutto, ma la sua furia è passeggera. Prendiamo ad esempio l’editto rivolto ai vigili urbani: tolleranza zero coi ciclisti contromano e sui marciapiedi. Richiesta del tutto legittima, a beneficio in particolare di chi arriva da fuori e non è pratico della città; ad un certo punto non si sa più quale sia il verso giusto. Per qualche giorno, complice anche il maltempo, la situazione è migliorata per tornare poi all’antico. Ciclisti in ogni luogo ma di preferenza sui marciapiedi o contromano. E vai che…
Una sola settimana ci separa dal fondamentale appuntamento elettorale del 4 marzo che determinerà le sorti del Belpaese. Un conto alla rovescia che miscela un bicchiere d’ansia con una caraffa d’adrenalina. Un cocktail degno di James Bond. Ricordate: vodka-martini "agitato" non "mescolato". E di agitazione in giro ce n’è parecchia. Tant’è che lo stesso equilibrato Viminale, dall’alto della sua imparzialità, ha dichiarato che in Italia «il clima che si respira alla vigilia delle elezioni è teso, in quanto alimentato dalla retorica di partiti…
I media ci raccontano che secondo i sondaggi il 5 marzo non vi sarà alcuna maggioranza. Il centrodestra avrà il maggior numero di voti ma non i numeri per governare. Se vi sarà un Governo sarà di minoranza oppure di “larghissime intese”, cioè privo di quei contenuti di programma di cui i vari partiti che lo sosterranno hanno fatto e stanno facendo promesse in questi giorni. Poi, magari, accadrà che un Governo nato per fare una o due cose, come ad esempio una nuova legge elettorale che garantisca la governabilità, ne faccia di più, trovi…
Italia a colpo d’occhio
Avete abbandonato le riforme?
C’è da essere allarmati per il calo annunciato dei votanti nelle prossime elezioni del 4 marzo: tra i giovani sotto i 24 anni, come risulta da un sondaggio recentemente segnalato, l’assenteismo raggiugerebbe addirittura il 50 per cento. Certamente, i sondaggi non sono la verità assoluta, anche se presi con le molle alcune indicazioni finiscono per darle. Per ovviare all’astensione qualcuno prospetta la necessità di renedre il voto obbligatorio, invocando il dettame costituzionale che votare è un dovere. Ma rendere il voto obbligatorio non è…
Italia a colpo d’occhio
Case in fumo, piazze in briciole
Morire a 13 anni per fumo da incendio in una casa a Milano, Quarto Oggiaro, palazzo popolare e apparentemente moderno ma evidentemente pieno di rischi, in una delle periferie simbolo della metropoli lombarda. Sprofondare per dieci metri in un quartiere di Roma per i lavori in corso, per un cantiere aperto e avere paura di stare nella propria casa che affaccia sulla voragine inaudita. Case e città insicure. Problemi di sicurezza privata e pubblica che si incrociano che si rincorrono che fanno morti e  feriti, che fanno sfollati e polemiche…
Benito Mussolini non abita più qui. Sfrattato a maggioranza per quanto fatto in passato. La decisione non è stata semplice: ci son volute quasi quattro ore per arrivare alla votazione. Qualche dubbio, anche da parte della maggioranza: il presidente del consiglio comunale Allegretti, con molto buonsenso, è stato superpartes e non ha votato. Che aggiungere? Giusto arrivare a questa conclusione perchè evidentemente il nome Mussolini, ancora spaventa e i timori del consigliere Banzi, promotore della cancellazione, costituiscono una conferma.…
Anche in codesta fedele narrazione giornalistica partiamo da un concetto molto semplice: sono i fatti in sé e la rigorosa verifica e interpretazione degli stessi, a determinare la verità. Questo metodo scientifico rappresenta l’unica modalità sicura per comprendere ciò che si cela dietro la fiumana di parole fasulle che i media capitalcomunisti ci rifilano tutti i giorni. Solo applicando tale criterio si può arrivare a riconoscere la giustizia nel senso più ampio del termine. Non sto parlando dell’azione giudiziaria istituzionale, a volte…
Venerdì 9 febbraio nell’aula del Senato la commemorazione del Giorno della Memoria per ricordare la tragedia delle foibe con l’arrivo delle milizie titine oltre il confine orientale del nostro Pease. L’orazione pubblica è toccata quest’anno al sindaco di una delle città più martoriate dalla furia espansionista del maresciallo Tito, quella Gorizia che a guerra finita si vide rastrellare casa per casa 1.048 civili, 650 dei quali mai più ritornati. Rodolfo Ziberna ha evocato “le immagini in bianco e nero che ci mostrano abbracci strazianti tra…
Italia a colpo d’occhio
Paura di futuro
Una “vecchia che balla” fa più notizia della sanità perduta. Va così. Ce lo perdoniamo nella settimana di Sanremo dove molte canzoni ci fanno riflettere e discutere di grandi problemi sociali. Del momento. Un momento molto lungo, a dir il vero e quasi interminabile. Le statistiche, a cicli, ci proiettano situazioni sociali al limite del sostenibile nella (quasi) più completa indifferenza di quelli che dovrebbero decidere e scegliere per il bene della comunità. Paura di futuro e buon senso smarrito. Ci balocchiamo tra ricette e palloncini,…
Oggi pomeriggio, lunedì 12 febbraio, il consiglio comunale di Mantova dovrà esprimersi su una mozione “urgente” sottoscritta da quasi tutti i consiglieri di maggioranza. Il testo di quell’atto chiede in via definitiva la cancellazione di Benito Mussolini dal registro dei mantovani honoris causa, ovvero coloro che a vario titolo hanno ricevuto la cittadinanza onoraria. A Mussolini venne conferita nel 1924 col voto unanime dell’assemblea cittadina di allora, nella quale peraltro figuravano anche diversi ebrei. Si tratta chiaramente di una…
La settimana scorsa vi avevamo parlato dell’eliminazione delle “ombrelline”, ovvero le ragazze che garantivano l’ombra e il riparo dalla pioggia ai piloti di F1 e ai motociclisti dei GP. Non un gran problema tuttavia una scelta, quella della Federazione dell’automobile, piuttosto discutibile. Anche se, fortunatamente, la successione è già stata assicurata: saranno i ragazzi che già sono vicini all’affascinante e rombante mondo dei bolidi a quattro e due ruote e che praticano gli sport di base come i go-kart, passaggio quasi obbligato per i…
Quanto è accaduto a Macerata, cittadina marchigiana simile a Mantova (almeno per numero di abitanti) è talmente clamoroso, soprattutto dal punto di vista della mala-informazione diffusa dai pinocchietti sinistrorsi e dai loro personali organi di stampa governati dalle lobby capitalcomuniste, da meritare la nostra massima attenzione. Anche perché stiamo analizzando da un paio di mesi l’argomento prioritario che tiene banco in questo periodo, ovvero: quali motivazioni elettorali e criteri adottare per una scelta corretta il 4 marzo. E capire…
Mantova - Oggi il cane è nella maggior parte dei casi un membro della famiglia a tutti gli effetti ed in quanto tale si sposta con noi anche in automobile! L’auto evoca nei cani sensazioni diverse: alcuni ne sono talmente entusiasti da passare tutto il tempo sulle due zampe a guardare fuori; alcuni sono tranquillissimi tanto da dormire e arrivare a russare alla grande; altri ancora la odiano e ne sono spaventatissimi e infine qualcuno di loro soffre il mal d'auto. Per quelli entusiasti c'è poco da dire, basta trasportarli nel modo corretto;…
A colpo d’occhio
Il lavoro è la priorità
La situazione economica e sociale che l’Italia sta vivendo presupporrebbe la richiesta del voto sulla scorta di una proposta di collaborazione fra forze politiche, che non c’è. È possibile che ogni partito o movimento si presenti confidando solo sulle proprie forze per ottenere più consensi, ma poi a votazioni effettuate il bene del Paese faccia premio su tutto e il tutto venga finalizzato per offrire ai cittadini italiani un periodo di speranza volta alla soluzione dei tanti problemi che si è costretti quotidianamente ad affrontare. Una…
A colpo d’occhio
Se l’aria è fuorilegge
L’aria è fuorilegge. Respiriamo particelle nocive a tutto andare. E l’Europa ci tira le orecchie. Fate qualcosa o vi manderemo delle multe. L’aria che respiriamo è mal’aria, dice Legambiente, che ha monitorato lo stato disastroso di molte città del nord da Modena a Mantova da Piacenza a Rimini, fino a Firenze e Prato. Basta capitare in coda a un semaforo o dietro un autobus alla fermata e respiri gas di scarico a dismisura. Anche le città in riva al mare non stanno bene: hanno lo  smog come quelle della pianura Padana. Respiriamo pm10,…
Vuoi vedere che stavolta è quella  buona: il sindaco Palazzi ha preso cappello e ha ordinato ai vigili urbani di usare la mano pesante con i ciclisti prepotenti, che obbligano autobus e automobilisti a fermarsi, perché loro procedono contromano anche nelle vie più strette. O perchè costringono i pedoni a scendere dal marciapiede, diventato ormai preda dei funamboli delle due ruote. Non è un caso che il traffico in città sia ormai insostenibile: ci son già gli automobilisti, alla perenne ricerca di uno spazio in cui parcheggiare, a farne di…
Breve riassunto delle puntate precedenti. Negli ultimi tre editoriali abbiamo trattato i seguenti temi: innanzitutto lo “status quo” dei nostri attuali governanti, insediatisi da oltre un quinquennio su scranni immeritati. Poi si è ragionato sulla palese differenza che esiste tra i grandi inventori (le menti geniali che hanno costruito il progresso della civiltà osservando le problematiche, analizzandole “cum grano salis” e risolvendole brillantemente) e i politici nostrani che, nella maggioranza dei casi, si limitano invece a stilare la…
Mantova - Tutte (e tutti) star per una notte: si può con i costumi e i vestiti del Bagaglino. Entrare nella sala dov’è stata allestita l’esposizione arrivata direttamente dalla lussureggiante trasmissione Bagaglino, che andò in onda prima sulle reti Rai e poi su Mediaset, è un’esperienza che riporta a un glamour e uno sfarzo che, sebbene recenti, sembrano appartenere a un’altra epoca, fatta di prime donne adornate di fiori, lustrini e piume. Pamela Prati, Valeria Marini, Rossella Brescia e Alba Parietti sono solo alcune delle protagoniste…
Italia a colpo d’occhio
Dalle leggi razziali all’Olocausto
Sul fascismo e sulla sua valutazione storica non ci possono essere ambiguità. Le parole pronunciate giovedì con grande chiarezza dal Presidente della Repubblica, nell’imminenza della giornata della memoria (27 gennaio), sono state importanti e necessarie. Ha detto Sergio Mattarella: “Sentir dire che il fascismo ebbe alcuni meriti ma fece due gravi errori, le leggi razziali e l’entrata in guerra”, è “affermazione  gravemente sbagliata  e inaccettabile, da respingere con fermezza, perché razzismo e guerra non furono deviazioni o episodi…
Italia a colpo d’occhio
Ferrovie da 800, strade di serie B
Ci vogliono pendolari coraggiosi sulla Mantova Milano, spesso sulle pagine dei giornali per ritardi, blocchi e disguidi. Il tragico incidente ferroviario di Milano Pioltello, con il suo carico di morti e feriti, ci deve portare a riflettere sulla arretratezza di certe linee ferroviarie e sulla gerarchia delle scelte e degli investimenti in sicurezza e manutenzione. Come fa a rompersi una rotaia? Come fa nel 2018 una linea non sopportare il carico elettrico di un locomotore? Come si fa ad avere tratti di ferrovia con sistemi e forse materiali…
Mantova - Anche quest'anno - facciamo le corna onde evitare bruschi contraccolpi - gennaio sta per chiudere i battenti senza troppo ferire. Anzi, nella nostra provincia e in quelle limitrofe, la temperatura si è mantenuta sempre a livelli dignitosi e non ci sono state nevicate da brividi come in altre località. Insomma, il mese di apertura dell'anno 2018 sta per chiudere i battenti all'insegna dell'ordinarietà. Stracontenti Comune e Provincia che non devono mettere in azione gli spazzaneve, felici gli automobilisti che possono procedere…
Mantova - Partiamo da un concetto semplice. Cos’è la politica? Deriva dalla parola greca pòlis (“città-Stato”) e, teoricamente, dovrebbe essere l’aspetto più importante della vita pubblica, l’insieme di tutte quelle attività che hanno a che fare con il potere di alcuni uomini su altri, in pratica i rapporti fra governanti e governati, l’organizzazione dello Stato, le lotte dei partiti, le relazioni e i conflitti tra le Nazioni. La politica è dunque il campo d’azione di quei personaggi che lottano per sedersi nella “stanza dei bottoni” e…
Italia a colpo d’occhio
Miracolati al volante
Mantova - L’altra sera in un incrocio importante di Bologna (ma potrebbe capitare a Mantova come a Siracusa) un signore, all’apparenza abbastanza giovane, forse distratto, non vede il rosso e va. Da destra un altro conducente col verde va a sua volta e si trova a distanza ravvicinata un’auto che non doveva stare lì. Frenata bruschisssima, reciproca, e per pochi centimetri i due non si toccano. La faccia del signore che era passato col rosso diceva: dove sono? cosa sto facendo? perché sono qui in mezzo all’incrocio? Miracolati al volante.…
Mantova - Gennaio, per fortuna, sta volgendo al termine. Rimane febbraio, che seppur corto, ci porterà le solite zuppe pre-elettorali. Con i consueti inviti a recarsi alle urne, con le promesse dei politici che vanno a gara nel “regalare” diminuzioni di gabelle, aumenti di stipendio (ma basterebbe veramente diminuire le tasse), più giustizia. E potremmo continuare all’infinito, tanto le parole volano leggere. Il 4 marzo sarà il giorno del giudizio, sia pur gravato da un dubbio atroce: ci sarà uno schieramento in grado di ottenere la…