Sport
Football americano
M-Unit batte Milano e vola al Winter Bowl
pubblicato il 5 dicembre 2018 alle ore 23:23
immagine
I ragazzi dell'M-Unit in festa

Mantova Winter Bowl Winter Bowl!  È l’urlo liberatorio dei ragazzi di M-Unit al fischio del termine della gara vinta contro Milano. Un 14-13 da brividi a poco più di due minuti dalla fine dopo una gara intensa, giocata bene da ambo le squadre, in una serata davvero gelida ma che ha saputo regalare grandi emozioni. Una vittoria che regala l’accesso alla finale, il Winter Bowl, per i ragazzi di coach  Roccati, che nel fine gara hanno ricevuto i complimenti da  Simone De Martin  ed  Antonio Batista  presidenti delle società Mastini Verona e Mustangs Mantova, nonchè promotori di questo gemellaggio sportivo. M-Unit ora attende lo svolgimento dell’ultima giornata di campionato per sapere chi sarà la finalista. Alta la probabilità di incontrare gli Old Lions Bergamo, che sarà proprio la squadra che i biancogialloblù andranno a sfidare nella prossima settimana.
Passando alla cronaca, vale la pena soffermarsi sull’ultimo quarto del match, che ha regalato emozioni in serie. Il punteggio si fissa sul 13-6 per Milano e il cronometro segna ancora quattro minuti. Coach Roccati gioca la “carta Kelvin”. Corsa strepitosa del numero 47 gialloblù che in velocità spazza via ogni tentativo di placcaggio della difesa milanese. Lo seguono prima Zikic e poi Ballciti, bravi a trovare spazio sull’esterno per due nuovi primi down. È poi un fallo chiamato contro Milano ad avvicinare ulteriormente M-Unit alla goal line. Zikic si incarica personalmente di portare palla e mancano solo 3 yards alla endzone. Nell’azione successiva i blocchi della linea offensiva gialloblù aprono il varco per la corsa di Davide Fin. Il punteggio parziale è di 13-12 a favore dei milanesi e coach Roccati, con grande coraggio, chiama la trasformazione da due punti. È il momento thriller della serata. Zikic è bravo ad imbeccare con un corto lancio laterale le mani di Fin che varca la goal line. È vantaggio M-Unit. Un 14-13 da proteggere, quando mancano due minuti e mezzo alla fine del match. Milano riprova ad imbastire il drive della rimonta. È bravo il quarterback meneghino Ragazzini a tenere in vita le speranze della propria squadra, ma sono Antolini e Sembenini a bloccarlo e a regalare così il finale di partita più bello che si potesse immaginare.
 

Redazione Sport
Commenti