Cronaca
Unione giornalisti aerospaziali italiani
Fabrizio Bovi consigliere nazionale dell'Ugai
pubblicato il 5 dicembre 2018 alle ore 19:18
immagine
Fabrizio Bovi consigliere nazionale dell'Ugai

Mantova  Un mantovano eletto consigliere nazionale dell'Unione Giornalisti Aerospaziali Italiani. Il prestigioso incarico è stato conferito a Roma al giornalista concittadino Fabrizio Bovi, nel corso dell'Assemblea dell'UGAI, la sezione specializzata della Federazione Nazionale della Stampa (FNSI) che riunisce i giornalisti e i pubblicisti cultori della materia aeronautica e spaziale.

67 anni, giornalista professionista, membro della Fondazione 8 Ottobre per la sicurezza del trasporto aereo e dell'Unione italiana dei giornalisti scientifici (UGIS), Fabrizio Bovi è accreditato tra i maggiori esperti del settore. "Tutto ebbe inizio sul Migliaretto cinquant'anni fa," ricorda, "quando a diciassette anni appena compiuti conseguii il brevetto di pilota presso l'AeroClub di Mantova, decollando da solo dopo appena tre ore e venti minuti di doppio comando con l'istruttore e diventando il più giovane pilota d'Italia. Non fui l'unico a trasformare il mio interesse per l'aviazione in una professione. Molti altri giovani brevettati al Migliaretto hanno inseguito la loro passione con successo come piloti o ingegneri, diventando eccellenti comandanti o alti dirigenti nell'industria aeronautica". Dopo l'esordio in Svizzera con la rivista internazionale Interconair Aviation and Marine, Bovi ha proseguito la carriera giornalistica come capo ufficio stampa del gruppo aerospaziale AgustaWestland (Finmeccanica) e in seguito come senior editor, inviato speciale e responsabile del servizio prove di volo presso l'autorevole testata Volare dell'Editoriale Domus (Quattroruote), coniugando la competenza tecnica a una laurea in diritto aeronautico. Un primato di cui va molto fiero, da lui conseguito nel tempo grazie alla particolare attività di giornalista-pilota, è di essere tra i pochi al mondo ad avere potuto volare su tutte le tipologie di velivoli esistenti: dai biplani ai caccia supersonici, al Concorde, fino ai confini dell'atmosfera nei voli in assenza di gravità con gli astronauti dell'Agenzia Spaziale Europea.

Redazione cronaca
Commenti