Eventi
Successo per il concerto
L’irriverente Povia strappa applausi a Redondesco
pubblicato il 19 marzo 2018 alle ore 17:06
immagine
Povia sul palco del teatro di Redondesco

Redondesco - Salire su un palco scalzi, ma non in punta di piedi e cantare senza il timore di pestare i piedi a qualcuno è il riassunto del concerto di sabato sera 17 marzo a Redondesco di Povia, che ha ribadito il suo legame con la nostra provincia. «Infatti - come ha ricordato il cantautore - il mio primo concerto è stato proprio a Mantova, davanti a un migliaio di persone nel 2005». Povia si è esibito da solo, imbracciando una chitarra e davanti ad un pubblico onesto e sincero, che non manda a dire se condivide o meno una considerazione, infatti, la serata è stata voluta da Progetto Nazionale "Terre dei Gonzaga" e dall'amministrazione comunale. «Questo concerto rientra nell'ambito del contrasto al cosiddetto pensiero unico e appiattimento e omologazione culturale - ha affermato Andrea Martinelli, consigliere e referente del Progetto Nazionale -. Il fatto che sia un cantautore contestato per noi non è un ostacolo, anzi poter far sentire una voce diversa dal coro è un ulteriore stimolo». Al teatro di piazza Castello, l’artista ha condiviso una decina di “provon _canzoni” con chi lo ha ascoltato attentamente una carrellata di argomenti caldi da salotti politici, finanziari, sessuali, affettivi ed etici. Si è espresso a chiare lettere, senza mezze misure e senza ciò che viene definito “democratico” tanto che una canzone l’ha intitolata “Io non sono democratico” elencando nel testo il suo “because”. Inoltre, tra i 19 brani dell’album “Nuovo contrordine mondiale”, ha presentato anche “La terminologia dei bimbiminkia”, “Chi comanda il mondo”, “La soglia del 3”, “Essere non essere”. Ha rispolverato il brano del premio Mogol, “Luca era Gay”, citando un glossario Lgbt e sottolineando che “in 5 anni ho scritto la storia di Massimiliano, che è senza malattia e senza guarigione”. Giuseppe, essendo padre di due bambine, ha tradotto in musica l’occhio di riguardo sul diritto ed il valore dei bambini. A fine aprile inizierà il suo tour nelle piazze. (vlp)

Commenti