Provincia
Incontro a Bozzolo
Unire le forze per chiedere risorse per strade e ferrovie
pubblicato il 4 dicembre 2018 alle ore 20:04
immagine
Unire le forze per chiedere risorse per strade e ferrovie

Bozzolo

Una battaglia di tutto il territorio per chiedere risorse da investire in opere stradali e ferroviarie: questo, in sintesi, l’obiettivp comune uscito lunedi sera in sala civica a Bozzolo durante il convegno sulle problematiche dei collegamenti stradali e ferroviari  dell’Oglio Po che da anni necessitano di interventi.
 Molto schietto il sindaco di Mantova Mattia Palazzi , presente con altri sindaci della provincia, sulla vicenda dell’autostrada Mantova-Cremona. Il primo cittadino, riprendendo la dichiarazione di un funzionario regionale (poi smentito dal presidente Fontana) secondo cui non esistono risorse per il progetto, Palazzi ha ribadito come «soldi non ce ne sono per questa parte della Lombardia dimenticata. Invece di andare a inventare sussidi sarebbe meglio che quei 10miliardi venissero investiti qui al nord perchè questo isolamento  ci sta portando alla paralisi così, come con fermano imprenditori e forze economiche».  Un chiaro attacco alla maggioranza che siede in Parlamento ed  al governo lombardo che da ventidue anni ha il potere di legiferare. Nonostante tali difficoltà il sindaco di Mantova ha, però ricordato l i dieci milioni ricavati dalla sua amministrazione dalla vendita dell’1% di azioni di Autobrennero il cui «tentativo di statalizzazione porterebbe solo danni». Ampio anche l’intervento del  sindaco di Bozzolo Giuseppe Torchio che ha aperto la serata con la lettura della lunga missiva inviata dal parlamentare mantovano Matteo Colaninno  il quale, nello scusarsi per l’assenza dovuta a motivi famigliari, ha tra le altre cose definito  poco edificante per esempio la scelta di togliere treni sostituendoli con autobus.  Anche il sindaco di Casalmaggiore Filippo Bongiovanni  ha espresso criticità  auspicando che l’incontro già avuto e altri programmati  con il ministro alle infrastrutture Danilo Toninelli diano i frutti sperati. L’incontro è poi proseguito con il balletto delle cifre, delle risorse promesse e mai arrivate, dei soldi vincolati e le “bugie” espresse secondo una parte politica nei confronti dell’area avversaria. Hanno parlato quindi il presidente della provincia cremonese Davide Viola, la consigliera regionale Antonella Forattini, la vicepresidente della Provincia di Mantova Francesca Zaltieri, il sindaco di Asola Raffaele  Favalli  e il consigliere provinciale neo-eletto a Cremona Calogero Tascarella che ha ricordato  come sia disastrosa la condizione attuale di Casalmaggiore che, oltre ad avere un ponte chiuso da un anno, patisce una situazione ferroviaria allo sbando e perde  il punto nascite dell'Ospedale Oglio Po. Alla fine della serata, seguita da un folto pubblico, è stato dato incarico al sindaco Torchio di stendere un documento da sottoporre a tutte le amministrazioni comunali in vista dell’incontro del 11 dicembre con il presidente della Regione Attilio Fontana.
 

 

Redazione provincia
Commenti