Provincia
Dal Comune di Roncoferraro
L’avanzo di bilancio per sistemare le strade di Barbasso
pubblicato il 4 dicembre 2018 alle ore 13:09
immagine
L’avanzo di bilancio per sistemare le strade di Barbasso

Roncoferraro Sono considerate tra le vie più disastrate dell’abitato di Barbasso, ma entro saranno finalmente sistemate. La promessa è del sindaco di Roncoferraro  Federico Baruffaldi , che nel corso dell’ultimo consiglio comunale ha annunciato l’utilizzo dell’avanzo di amministrazione dello scorso anno per avviare una serie di interventi considerati prioritari. Tra questi vi è appunto l’asfaltatura di via Asiago, via Montello e via Pasubio, per la quale la giunta ha stanziato 50 dei 150mila euro derivanti dall’avanzo. «Lavori che erano da tempo attesi dai residenti - fa sapere il primo cittadino - così come l’aggiunta di nuovi punti luce, che oltre a Barbasso interesseranno la frazione di Casale». Per la pubblica illuminazione la somma messa a disposizione è di circa 20mila euro, mentre altri 24mila verranno erogati per l’analisi sismica degli edifici scolastici. Seguiranno lavori di minore entità, «ma comunque utili alle esigenze del territorio», ha assicurato il sindaco. Tra questi c'è la manutenzione ordinaria alla caserma locale dei carabinieri e l’acquisto di un tagliaerba per la cura del verde pubblico. «Soldi che abbiamo l’obbligo di impegnare entro il 2018 - specifica Baruffaldi -. Ragione che ci ha costretto a scegliere interventi che non necessitassero di procedure lunghe e che escludessero la co-partecipazione di terzi soggetti». La circolare emessa lo scorso 3 ottobre dal ministero dell’Economia e delle Finanze dopo il pronunciamento della Corte Costituzionale ha di fatto dato la possibilità agli enti locali di poter utilizzare parte dell’avanzo di amministrazione presente per una serie di interventi, ponendo fine ai vincoli insostenibili introdotti dall’allora Governo Monti, che aveva, all’atto pratico, bloccato l’attività dei Comuni. «Viene affermato - recita la circolare - che l’avanzo di amministrazione deve rimanere nelle disponibilità degli enti locali che lo realizzano e non può essere oggetto del “prelievo forzoso” attraverso i vincoli del pareggio di bilancio». Soddisfazione in tal senso è stata espressa dalla maggioranza di Governo, come spiegato dal deputato della Lega  Alberto Ribolla : «Era una notizia che attendevamo da anni. Così si ampliano le possibilità di investimento per i Comuni e si dà attuazione al nostro programma: crescita, sviluppo ed eliminazione dei vincoli burocratici».
 

Matteo Vincenzi
Commenti