Cronaca
Mantova
Confagricoltura in prima linea per le grandi opere
pubblicato il 4 dicembre 2018 alle ore 10:35
immagine
Confagricoltura in prima linea per le grandi opere

Mantova Confagricoltura, Ance, Confapi, Confindustria, Confartigianato, Casartigiani, Cna, Confcommercio, Confesercenti, Confcooperative e Lega Coop. La quasi totalità del mondo industriale e imprenditoriale italiano si è radunata questo pomeriggio a Torino per la manifestazione “Infrastrutture per lo sviluppo – Tav: l’Italia in Europa”, promossa per pronunciare un deciso “sì” in favore del completamento della linea ferroviaria ad alta velocità in grado di collegare Torino con Lione. Un corridoio strategico per lo sviluppo dei traffici di merci e passeggeri, un collegamento essenziale per mantenere il nostro paese attaccato al cuore dell’Europa. E in prima linea per lo sviluppo delle infrastrutture c’è anche Confagricoltura Mantova, con il direttore Daniele Sfulcini, il vicepresidente Corrado Ferrari e il membro di giunta Roberto Begnoni presenti alle Ogr (Officine grandi riparazioni) di corso Castelfidardo, sede dell’evento: «Siamo qui – ha detto il direttore Sfulcini – per ribadire il nostro pieno assenso al completamento della Torino-Lione. L’opera rappresenta un asset strategico per lo sviluppo del nostro paese, che non può permettersi di rimanere isolato. Più in generale, siamo assolutamente a favore di ogni infrastruttura che possa aiutare lo sviluppo dell’Italia». Presenti come detto i vertici di tutte le principali associazioni nazionali. Assente solo la Coldiretti: «In quella che è stata definita dal vicedirettore de La Stampa come una vera e propria “nazionale del Pil italiano” – prosegue Sfulcini – manca solo Coldiretti. Probabilmente sono schierati con i “No Tav”, nonostante le recenti dichiarazioni del presidente Prandini in favore del trasporto su rotaia. Ancora una volta si dimostrano incoerenti nelle loro azioni».    
 

Redazione cronaca
Foto
Commenti