Provincia
Il campione ospite al "Motocross for love"
Andrea Dovizioso star a Rivarolo Mantovano
pubblicato il 3 dicembre 2018 alle ore 14:31
immagine
Andrea Dovizioso star a Rivarolo Mantovano

Rivarolo Mantovano Il vice campione del mondo della MotoGp, Andrea Dovizioso, è stato il protagonista assoluto ieri della quarta edizione de “Motocross for Love”. Il tradizionale appuntamento  ha entusiasmato, sul circuito sterrato di Rivarolo Mantovano, un nutrito numero di appassionati. Un evento, ottimamente allestito dai responsabili dell’Mc Rivarolese del presidente Marco Zaffanella, in piena sintonia con quelli del Team Bota del quale il pilota di Forlimpopoli è  tra i fondatori, che al fascino di questa specialità del mondo dei motori ha unito il valore dell’impegno sociale. L’appuntamento, infatti, aveva uno sfondo solidaristico in quanto il ricavato della giornata sarà devoluto al giovane pilota sanmarinese Bryan Toccaceli, che purtroppo è rimasto vittima di un tragico incidente in gara.
Finita la stagione agonistica niente pausa; la passione per la moto, quindi, spinge Andrea Dovizioso a restare in sella in una manifestazione, quella di Rivarolo Mantovano, che anche quest’anno lo ha visto protagonista. «È il quarto anno  - afferma il “Dovi” -  che riusciamo ad organizzare questa gara e non nascondo che mi sto divertendo. Vorrei, per questo, ringraziare tutti i ragazzi che sono impegnati nella macchina organizzativa. Il nostro intento è dare spettacolo con il motocross, ma soprattutto puntare sulla beneficenza e di conseguenza ogni anno i ragazzi dell’Mc Rivarolese e del Team Bota decidono a chi devolvere il ricavato della giornata. Sono  soddisfatto per la scelta compiuta di donare quanto il pubblico ha offerto per aiutare Toccaceli».
Pista e sterrato due modi diversi di vivere il motociclismo, quanto l’uno favorisce l’altro?
«Momenti per potersi allenare in MotoGp ve ne sono pochi e di conseguenza ognuno decide come prepararsi; io arrivando dal motocross mi dedico a questa specialità a fine stagione perché lo considero il metodo migliore a livello di aerobica e a livello di battiti cardiaci. Due mondi abbastanza lontani che però mi trasmettono tanto entusiasmo e tanta emozione. Li vivo al cento per cento tutti e due».
Paolo Biondo

p.b.
Commenti