Cronaca
Ancora un caso di degrado
Vandali in galleria Mortara, uno finisce al Poma
pubblicato il 3 dicembre 2018 alle ore 12:08
immagine
Vandali in galleria Mortara, uno finisce al Poma

Mantova  Ancora scene di ordinario degrado nella zona che vede in piazza Cavallotti il fulcro di reiterati bivacchi e atti di criminalità dalla cadenza quasi quotidiana. L’ultimo deprecabile episodio in ordine di tempo sabato sera. Erano circa le 21.30 quando alcuni residenti, che definire esasperati potrebbe suonare quasi eufemistico, hanno segnalato la presenza dei soliti  aficionados ; il gruppetto di balordi infatti dopo aver fatto il pieno di alcol al supermercato Carrefour o in qualche altro locale li vicino, non trovando di meglio da fare, hanno preso a danneggiare il portone d’ingresso di un condominio in galleria Mortara. Bottiglie di birra infrante contro la vetrata, oltre a sassate e calci. Il solito “passatempo” del sabato sera in sostanza. Sul posto quindi immediato l’intervento di una pattuglia della Squadra Volante. All’arrivo degli agenti però del gruppo di balordi non vi era più nessuna traccia. A terra solo i segni del loro passaggio tra lattine vuote, cocci di bottiglia e immondizia varia. Oltre ai rifiuti però a pochi passi dal luogo segnalato, gli uomini della questura scovavano anche un ragazzo, al limite del coma etilico, addormentato sul marciapiede. Si tratta di un 21enne tunisino già noto alle forze dell’ordine. Che il giovane fosse parte della banda che poco prima si era resa responsabile dell’atto vandalico non è ancora certo. Anche se le probabilità che sia estraneo ai fatti a ben vedere appaiono esigue. Probabile invece che il soggetto, a causa della sua forte intossicazione etilica, non sia stato in grado di seguire il resto della gang durante la fuga, preferendo invece appartarsi sotto i portici di corso Libertà. Saranno comunque gli accertamenti della Polizia ad appurare se tra gli autori vi fosse anche lui. Al vaglio degli uffici di piazza Sordello vi sono i filmati delle telecamere di videosorveglianza installate in zona. Per quanto riguarda la stretta cronaca in aiuto dell’extracomunitario, considerate le sue precarie condizione psico-fisiche sono stati fatti intervenire anche i sanitari del 118. Un’ambulanza di Porto Emergenza ha così provveduto a trasportare l’uomo all’ospedale cittadino da cui, una volta smaltita la colossale sbronza, è stato licenziato. Un’annosa situazione quella che vede al centro di episodi di degrado e violenza le gallerie Mortara e San Maurizio cui già da tempo anche l’amministrazione comunale aveva cercato di porvi rimedio anche se il problema ad oggi pare ancora lontano dall’essere risolto.

Redazione cronaca
Commenti