Provincia
A Piubega
La macchina mangia plastica tra sconti e ticket
pubblicato il 1 dicembre 2018 alle ore 13:37
immagine
La macchina mangia plastica tra sconti e ticket

Piubega È ancora imballata ed entrerà effettivamente in funzione nei prossimi giorni: è la macchina “mangia plastica”, che il Comune ha deciso di installare di fianco alla palestra comunale in accordo con l’azienda  produttrice - Riciclia, che opera in sinergia con Legambiente - e Aprica, la società che gestisce la raccolta dei rifiuti in paese.
Ad avere l’idea di installare la macchina è stata il consigliere con delega ai servizi sociali  Chiara Bilato. Il funzionamento del macchinario è piuttosto semplice: gli utenti potranno portare bottiglie e tappi in plastica e lattine di alluminino, che la macchina inghiottirà comprimendo al proprio interno. In cambio della plastica e dell’alluminio che vengono portati, il macchinario restituirà non denaro, come succede in diversi Paesi esteri, ma ticket.
Proprio sulla natura di tali ticket il Comune e l’azienda installatrice sono ancora al lavoro. Per il momento la ditta sta contattando diverse attività commerciali del paese per verificare la disponibilità ad operare sconti a quei clienti che portino un certo numero di ticket. Esiste però anche un’alternativa. Come spiega Bilato, i ticket potrebbero anche venire utilizzati dalle scuole del paese per l’acquisto di materiale didattico.
Nel corso dei prossimi giorni tali accordi verranno chiusi. Non solo. Sempre nei prossimi giorni verrà anche attivata la macchina “mangia plastica”. Che, spiega sempre il consigliere Bilato, è stata installata senza alcun costo a carico del Comune, dal momento che l’azienda che ne è proprietaria guadagna denaro vendendo la plastica che viene così ricavata.
«Abbiamo pensato che installare in paese questa macchina - spiega Bilato - potesse essere un incentivo al riciclo della plastica. Abbiamo trovato grande disponibilità anche da parte di Aprica e ora finalmente, dopo tutte le formalità burocratiche, il dispositivo è pronto per essere attivato a beneficio di tutti».
 

g.b.
Commenti