Provincia
Castel Goffredo, via all'incarico
Centro culturale Smeraldo: architetti al lavoro
pubblicato il 24 febbraio 2018 alle ore 20:22
immagine
La sede dello studio Santi. Nel riquadro: il sindaco Posenato

Castel Goffredo - Sarà lo studio di architettura ed ingegneria dell’architetto Arnaldo Santi a predisporre lo studio di fattibilità del futuro centro culturale nell’ex cinema Smeraldo. Ad annunciarlo è stato il sindaco Alfredo Posenato: «La comunità di Castel Goffredo sta attendendo con trepidazione la realizzazione di un desiderio decennale, di cui vi sarà modo di parlare nuovamente a fine marzo, quando lo studio Santi - ha specificato Posenato - presenterà il progetto preliminare spiegando cosa sarà possibile realizzare nell’ex cinema. Ovviamente se e solo se la prossima amministrazione comunale vorrà e riuscirà proseguire su questa strada». Il progetto di massima - tecnicamente uno studio di fattibilità - che verrà realizzato dallo studio Santi non considererà i dettagli di arredo del centro culturale, ma servirà a prevedere i costi di utilizzo funzionali. Quello affidato allo studio castellano è un incarico per la redazione del progetto di fattibilità tecnica ed economica per l’adeguamento sismico, il restauro ed il recupero funzionale della biblioteca e dell’ex teatro comunale. In particolare la parte economica sarà necessaria per stimare un costo dell’intervento e quindi cercare bandi e finanziamenti. Dopo avere raccolto i pareri degli enti coinvolti, passaggio indispensabile e necessario per i lavori pubblici, il professionista di Castel Goffredo realizzerà il progetto di massima che poi, necessariamente, dovrà essere sottoposto alla Sovrintendenza. Il costo, a carico del Comune, per la progettazione si aggira sui 16mila euro. Ha speficato Posenato: «Paragonati ai 170mila euro del progetto esecutivo finanziato e rimasto nel cassetto fin dalla remota amministrazione dell’ex sindaco Annamaria Cremonesi, è irrisorio. Come amministrazione comunale abbiamo ritenuto di non riutilizzare il progetto della passata amministrazione perché ora le necessità di fruizione sono diverse: noi ambiamo a realizzare un centro polifunzionale, multidisciplinare e polimorfo».

Valentina Li Puma

Commenti