Cronaca
L'azienda lancia l'allarme
Furti alle macchinette, Govi: "Situazione insostenibile"
pubblicato il 5 novembre 2018 alle ore 12:27
immagine
Furti alle macchinette, Govi: "Situazione insostenibile"

Motteggiana Un numero sempre crescente di furti e di danneggiamenti agli apparecchi è quello che sta subendo in questi ultimi mesi l’azienda Govi, ovvero il gestore dei distributori automatici della Buonristoro. In particolar modo, questi atti vengono compiuti all’interno dell’ospedale “Carlo Poma” di Mantova e nelle sedi collaterali della sanità mantovana, come quella dell’Asl di via Trento. <<Non sappiamo più cosa fare – esordisce l’amministratore della società di Motteggiana -, subiamo in media il danneggiamento di cinque distributori alla volta. Il problema non è tanto nei soldi di cui veniamo derubati, quanto in quelli che perdiamo per la sistemazione dei distributori>>. Il calcolo, in questo senso, è presto fatto: l’azienda perde una media di duemila euro a settimana per la sistemazione delle macchine danneggiate dai furti, ai quali vanno aggiunti, ovviamente, gli ammanchi monetari rubati. <<La gestione della cosa sta diventando davvero proibitiva: più blindiamo i distributori più questi vengono scassinati. E un distributore scassinato di notte può costituire un pericolo prima di essere recuperato dai nostri tecnici, magari per un vetro rotto o una lamiera sporgente. Le telecamere di videosorveglianza non ci sono e non possiamo, come azienda, installarle dentro un edificio che non è di nostra proprietà>>. Purtroppo, non è la prima volta che la Govi deve far fronte ad una situazione del genere: basti pensare, come spiegano dall’amministrazione, che due anni fa in una sola notte sono stati aperti qualcosa come sedici distributori automatici nuovi, per un danno di grandissima portata e facilmente immaginabile da chiunque. Se da un lato fa impressione pensare che ci sia qualcuno così privo di scrupoli che rischia di essere beccato e denunciato per una manciata di euro, dall’altro appare evidente come la cosa stia diventando davvero insostenibile: <<Speriamo che questa situazione possa essere presa in mano da qualcuno e che tutto si possa risolvere>> conclude l’amministratore.

Federico Bonati    
Commenti