Eventi
Tempo d’Orchestra
Alexander Lonquich e il Quartetto Ebène al Bibiena
pubblicato il 5 novembre 2018 alle ore 12:22
immagine
Alexander Lonquich e il Quartetto Ebène al Bibiena

Mantova Musica da camera d’eccellenza, lunedì 5 novembre (ore 20.45) al Teatro Bibiena di Mantova per il secondo concerto della 26esima stagione “Tempo d’Orchestra”, organizzata da OficinaOCM: Alexander Lonquich, pianoforte, e il Quartetto Ebène interpretano capolavori di Johannes Brahms, Ludwig van Beethoven e César Franck.

Vincitori del Concorso Ard di Mobaco di Baviera, nonché di prestigiosi premi discografici (tra cui Echo classic e Bbc music magazine award), i musicisti del Quartetto Ebène (Pierre Colombet e Gabriel Le Magadure, violini, Marie Chilemme, viola, e Paphael Merlin, violoncello) esprimono tutto il loro talento in un programma che, in parte, li vede protagonisti assoluti – Quartetto n. 5 in la maggiore op. 18 di Beethoven e Quartetto n. 1 in do minore op. 51 di Brahms –, quindi li chiama a interagire con Alexander Lonquich – Quintetto in fa minore per pianoforte e archi di Franck. Il pianista, che con Mantova, la sua orchestra e il suo festival di musica da camera ha un rapporto strettissimo e storico, è particolarmente attivo nell’ambito della musica da camera, collaborando con artisti del calibro di Christian Tetzlaff, Nicolas Altstaedt, Vilde Frang, Joshua Bell, Heinrich Schiff, Steven Isserlis, Isabelle Faust, Carolin Widmann, Heinz Holliger, Frank Peter Zimmermann. 

A un cast di prim’ordine s’abbina un programma che merita a sua volta attenzione. I 6 Quartetti opera 18, pubblicati nel 1801, segnarono l’esordio di Beethoven nel genere della più classica musica da camera per archi. Nel n. 5, che si ascolterà lunedì, coerenza e amabilità, classicità di tratto e vibrante interiorità, si amalgamano con naturalezza in una partitura che irrora la tradizione con idee nuove. A seguire il Quartetto Ebène affronterà la prima opera quartettistica (conclusa nel 1873) di un Brahms che in essa ricorre ai procedimenti compositivi più sapienti ideando temi strettamente imparentati e derivati fra loro. La seconda parte del concerto s’impernierà sul Quintetto in fa minore per pianoforte e archi, tra i lavori più caratteristi e riusciti di César Franck: una partitura dominata da una forte tinta drammatica e da una tensione appassionata, assistita da un’intelligenza costruttiva e coerente, da impiego ciclico dei temi e da costante ricerca armonica. 
Prevendita biglietti (32 € platea, 25 € palco, 2 € loggione, 10€ under 30) su www.vivaticket.it oppure lunedì alla biglietteria di OficinaOCM (piazza Sordello 12 Mantova – T . 0376 360476 – biglietteria@ocmantova.com - ore 10-13 e ore 15-18). Biglietteria in teatro dalle ore 19.45 del giorno del concerto. 

Redazione eventi
Foto
Commenti