Eventi
Segni 2018
Giorgio Gabrielli fa impazzire i bambini
pubblicato il 3 novembre 2018 alle ore 11:40
immagine
Giorgio Gabrielli fa impazzire i bambini

Mantova   Amici di tutti i tipi e per tutti i gusti. Quella che Giorgio Gabrielli  porta in scena è una storia all’insegna dell’amicizia, che affonda radici nel regno degli animali per esportare l’importanza del volersi bene  e delle persone fidate.
Una  rappresentazione semplice, ma di cui si intuisce il grande lavoro “dietro le quinte” si in fase di  testi, che in fase di allestimento, ma  Gabrielli  non difetta di inventiva tanto meno di simpatia. Immediato il feeling con il pubblico dei piccoli, trascinato in un mondo fantastico popolato di  personaggi a loro molto vicini e proprio per questo motivo l’empatia è scattata subito. 
Fiabeschi burattini per un racconto, che parte   proprio con la figura  di un amico immaginario pronto  a condividere con lo stesso Gabrielli le vicende di una banda   di animali da cortile inseguiti da un lupo, la storia di un matrimonio tra topolini senza la benedizione del padre e  la nascita di un girino che amava cantare. 
Tre storie  diverse, all’apparenza distanti tra di loro, ma alla fine questi binari  retti si ritrovano nella ballata finale della cicogna, guest star dello spettacolo e congedo particolarmente gradito dai bambini. L’interazione sulla quale punta molto  Gabrielli coglie nel segno, perché riesce perfettamente a scandire i tempi  entrando in contatto con  il pubblico portando    i personaggi in prima fila.   La farfalla che  disturba il momento del the caldo, la rana che voleva cantare e  la cicogna sono i momenti in cui la libertà si appropria dello spettacolo rendendolo speciale per la sua interazione.  Ad essere speciale è comunque  tutta la performance che tocca indirettamente argomenti  d’attualità come l’amicizia, la condivisione, le apparenza e  i sogni nel cassetto. Ma anche l’accettazione e la capacità di guardare al di là degli stereotipi. Il risultato  è uno spettacolo che piace per la sua varietà e per la sua capacità di vivere di una semplicità che riesce a catturare l’attenzione anche dei più piccoli.

Redazione eventi
Foto
Commenti