Provincia
Assieme al colonnello Federici
Il generale Amato in visita ai carabinieri di Viadana
pubblicato il 20 gennaio 2018 alle ore 19:37
immagine
Il generale Amato, accompagnato dal colonnello Federici

Viadana - Il generale di corpo d’Armata, Riccardo Amato, comandante Interregionale “Pastrengo” di Milano, ricevuto dal comandante Provinciale dei Carabinieri di Mantova, Colonnello Fabio Federici e dal Comandante della locale Compagnia Carabinieri, capitano Gabriele Schiaffini, ha fatto visita venerdì 19 gennaio al Comando della Compagnia Carabinieri di Viadana. Nel corso della stessa ha incontrato tutti i militari della sede ed i Comandanti delle Stazioni dipendenti, verso i quali ha mostrato tutta la sua vicinanza e gratitudine per l’incessante attività di servizio svolta al solo fine di contribuire alla sicurezza dei cittadini e per gli ottimi risultati raggiunti, nonché, ha incentrato l’attenzione sulla intensificazione dei servizi preventivi e di controllo del territorio soprattutto nelle fasce orarie più sensibili e nelle aree a maggior rischio per garantire ai cittadini la migliore cornice di sicurezza possibile, ricordando l’importanza strategica della presenza capillare dell’Arma sul territorio, sicuro punto di riferimento per le popolazioni. Ha,   inoltre, esortato tutti i militari a nutrire costantemente sentimenti di affetto e riconoscenza nei confronti dell’istituzione a cui appartiene, tenendo fede al giuramento prestato, a custodia dei più elevati valori e delle nobili tradizioni dell’Arma. Il generale Aamato ha poi incontrato presso l’attività lavorativa, Fabio Merlino, figlio del sottotenente Filippo Merlino, allora Comandante della stazione locale carabinieri, rimasto vittima, assieme ad altri commilitoni, nella strage di Nassiriya (Iraq) a seguito dell’attentato terroristico del 12 novembre 2003, durante la missione di Pace in Iraq denominata “Antica Babilonia”. Infine, si è portato, presso la stazione carabinieri di Sabbioneta ove si è intrattenuto per un breve saluto con il personale locale. (r.pro.)

 

Commenti