Cronaca
Cantieri sino al 20
Centro storico, via alla posa dei nuovi asfalti
pubblicato il 10 ottobre 2018 alle ore 10:57
immagine
Centro storico, via alla posa dei nuovi asfalti

Mantova E dopo via Trento e viale Risorgimento, si rimette mano al centro storico, anzi, al cuore della città. Si stanno predisponendo infatti tutte le procedure e i confronti per dare corso alla “fase 2” del piano asfalti che l’amministrazione ha avviato ripartendo fra i vari assessorati le eccedenze del bilancio 2017. Una scelta che il comparto dei lavori pubblici ha effettuato anche sulla base delle segnalazioni dei cittadini e degli addetti della Tea che hanno realizzato una mappatura delle priorità. Tra queste, stando nel centro storico, appunto, il comprensorio fra via Calvi e via Bertani, con le relative strade di congiunzione.  
Lunedì partiranno i lavori, il cui pacchetto complessivo (inclusi quindi i tratti già realizzati) viene a pesare sulle casse comunali per circa 200mila euro. Si partirà lunedì, in mattinata, con la riasfaltatura di via Bertani e via Castiglioni. A queste due vie è stata data la priorità per non penalizzare il mercato del giovedì, principalmente concentrato in quelle due vie. Nei giorni successivi, da giovedì sino a sabato 20 ottobre, i rulli compressori si sposteranno in via Calvi, via Scuola Grande e  via San Francesco da Paola. 
Il lavoro sarà radicale, spiega l’assessore  Nicola Martinelli, dato che si provvederà dapprima alla rimozione del vecchio e logoro manto d’usura, per poi passare al nuovo strato bituminoso, e infine alla tracciatura della segnaletica orizzontale. Il tutto senza penalizzare la vita del centro e del commercio.
«Proprio oggi – dichiara l’assessore – abbiamo avuto un confronto con le associazioni dei commercianti per conciliare le necessità dei negozi con quelle dei lavori pubblici. Abbiamo voluto questo incontro proprio per conoscere, per avere informazioni utili, e per regolarci di conseguenza».
Poto che il giorno del mercato non comporterà variazioni rispetto al solito, verranno solo stabiliti percorsi diversi per i mezzi degli ambulanti, che manterranno le proprie postazioni. Stesso discorso vale anche per i fornitori dei negozi, che potranno raggiungere le destinazioni con percorsi alternativi.

Redazione cronaca
Commenti