Cronaca
La replica di MantovAmbiente
Piazza Virgiliana, chi ha sporcato pagherà
pubblicato il 10 ottobre 2018 alle ore 10:54
immagine
Piazza Virgiliana, chi ha sporcato pagherà

Mantova Il giorno dopo il giorno dopo (la ripetizione è voluta, ndr) Mantova Ambiente si scusa e accusa, mentre l’assessore all’ambiente del comune di Mantova ha intenzione di far pagare il conto ai responsabili dello scempio di piazza Virgiliana. A sollevare il problema su queste stesse pagine nell’edizione di ieri della Voce di Mantova era stato il capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale, Pierluigi Baschieri. L’esponente forzista aveva puntato il dito contro Mantova Ambiente e l’assessore all’ambiente Andrea Murari riguardo allo stato in cui era ridotta piazza Virgiliana lunedì mattina dopo la tre giorni dedicata allo street food con la manifestazione Europa in piazza. Ieri è arrivata in redazione una nota dell’ufficio stampa di Tea (il cui testo integrale è pubblicato nella rubrica Lettere al direttore a pagina 5 dell’edizione odierna, ndr) dove una parte degli ambulanti e degli avventori che hanno partecipato alla manifestazione vengono additati come responsabili di questo scempio. “Purtroppo, la grande quantità di rifiuti prodotta sia dagli operatori che dai numerosi avventori, è stata tutt’altro che differenziata - si legge nella nota di Tea Spa cui fa capo Mantova Ambiente -.  Domenica notte, al termine dell’evento, questi signori se ne sono andati, lasciando la piazza in condizioni deplorevoli”. A seguire c’è stata la nota ufficiale dell’assessore Murari che nei confronti di “questi signori” ha rincarato la dose: “Mantova è accogliente e disponibile ma il rispetto per la nostra città è doveroso. Chi ha pensato di lasciare impunemente piazza Virgiliana in quelle condizioni pagherà tutti i costi che verranno sostenuti per ripulirla”. Lo spettacolo che si è presentato lunedì scorso agli occhi di chi arrivava in piazza Virgiliana è stato a dir poco desolante: i vialetti dei giardini trasformati in autentiche discariche di rifiuti lasciati principalmente dagli ambulanti degli stand che per tre giorni hanno preso parte a Europa in piazza. Bombole di gas vuote, bancali, cartacce, scatole di cartone piene stipate di rifiuti e contenitori di olio di palma vuoti dopo che il residuo dell’olio usato per friggere patatine e altro, stando a quanto riferito da alcuni residenti della piazza pare sia stato vuotato direttamente nei tombini della piazza se non tra i cespugli dei giardini. Maleducazione sfociata nel vandalismo fine a se stesso. Dopo la segnalazione del consigliere di minoranza Baschieri ora è scattata la caccia ai responsabili di questo scempio per il quale qualcuno la pagherà. Si spera.

Redazione cronaca
Commenti