Cronaca
Mille euro a chi fornisce informazioni
Trincerone, massacrati tre gatti della colonia
pubblicato il 20 gennaio 2018 alle ore 11:23
immagine
Uno dei mici ritrovati morti al Trincerone

Mantova - Sgomento  tra i volontari di "Gattorandagio" per l’uccisione di tre gatti facenti parte della colonia che gravita attorno al casolare in zona Trincerone. Sabato scorso, i volontari che come ogni giorno portano il cibo alla colonia felina, si sono accorti dell’assenza di due mici, Nerina e Rossina, di solito puntuali all’appuntamento con il cibo. Sono immediatamente scattate le ricerche e così, dopo un paio di giorni, i corpi senza vita dei due gatti sono stati ritrovati poco più in là. “Abbiamo subito contattato il servizio veterinario dell'Ats di Mantova” hanno spiegato gli stessi volontari - per il recupero dei corpi che sono stati conservati fino a lunedì, giorno dell’autopsia”. Gli esami effettuati presso l’istituto zooprofilattico  hanno rilevato che la morte degli animali è da ricondurre non tanto ad avvelenamento, quanto a traumi. “Da parte nostra, non appena abbiamo rinvenuto i corpi avevamo pensato potesse essersi trattato di un cane più che a una volpe, poiché quest’ultima di solito lascia solo la testa”. Ma non è finita, perché l’altra sera nel casolare abbandonato di via Trincerone i volontari hanno trovato strisciate di sangue a terra rinvenendo proprio giovedì mattina, 18 gennaio,  il cadavere di un altro gatto, stavolta bianco e nero, ritrovato nell’erba appena fuori la struttura. «Purtroppo non ci spieghiamo questa violenza ai danni di mici che non hanno fatto del male a nessuno e a nessuno danno fastidio in quanto il casolare abbandonato è parecchio distante dalle prime abitazioni. Adesso, dopo il ritrovamento di questi tre gatti tutta la colonia appare disturbata e terrorizzata».

Su quanto è successo al Trincerone è intervenuta anche la Lav sezione di Mantova che: “Condanna fermamente questo vile gesto" - hanno detto alcuni esponenti -. "Soprattutto abbiamo già informato l’ufficio legale nazionale ed invitiamo le forze dell’ordine a fare piena luce, perché è un fatto molto grave in quanto tale e una violenza così gratuita potrebbe essere un segnale preoccupante. Invitiamo perciò chiunque abbia visto qualcosa o sospetti qualcosa, a raccontare e per questo abbiamo istituito una ricompensa di mille euro a chi fornirà informazioni utili ad individuare i colpevoli. Il numero da contattare è 3204795557 oppure la mail: lav.mantova@lav.it”.

(r.cro.)

 

 

Commenti