Eventi
Arcigay e Ars di nuovo assieme a Mantova per la rassegna ”Tuttaltrogenere”
In scena “con gli occhi di una drag”
pubblicato il 13 gennaio 2018 alle ore 16:53
immagine
In scena “con gli occhi di una drag”

Mantova - Per il secondo anno consecutivo si rinnova la collaborazione tra l’Arcigay e Ars che, venerdì 12 gennaio, hanno presentato la rassegna “tuttaltrogenere”, pronta a partire dal 21 gennaio fino al 18 marzo con un totale di tre spettacoli. Queste tre rappresentazioni sono inserite nella rassegna teatrale di Ars “altroteatro”, che invece avrà inizio domenica 14 gennaio. «La rassegna “tuttaltrogenere” - ha spiegato il presidente di arcigay Diego Zampolli - prevede la messa in scena di tre spettacoli tra gennaio e marzo, allo Spazio S.Orsola e intendiamo promuovere la battaglia contro i pregiudizi sui lgbt. Abbiamo avuto un grande successo nella passata edizione e ci auguriamo di ripeterlo anche quest’anno». Si comincerà domenica 21 gennaio alle ore 17.00 “Con gli occhi di una drag”. Uno spettacolo nato dalle Salamandre Sisters, un gruppo di Drag Queen  dell’arcigay mantovano. Lo spettacolo si adagia tra una performance musicale, una chiacchiera, attraverso aneddotti, con canzoni, momenti esilaranti alternati a riflessioni commoventi, un viaggio tra le tappe storiche fondamentali del movimento LGBT. Il secondo appuntamento invece è con “Suzanne” che andrà in scena invece il 18 febbraio, sempre alle ore 17.00. Lo spettacolo è tratto dal testo di “La Garçonne et l’Assassine” di Fabrice Virgili e Daniele Voldman. Si tratta di uno spettacolo, caratterizzato da una trama contemporanea, ambientata nel ventennio del 1900. Parla della storia d’amore tra Paul e Louise, con lui che tenta in tutti i modi di fuggire alla chiamata dell’esercito. La moglie lo protegge chiudendolo in casa e un giorno tenta di uscire, vestito da donna, per non farsi riconoscere. Comincia così una nuova vita, che comporterà inevitabilmente dei cambiamenti radicali. L’ultimo spettacolo sarà per S.Anselmo. Il 18 marzo, alle 17.00. Allo Spazio S.Orsola andrà in scena “L’indulgenza del latte” del regista Paolo Luigi Belloli. Si articola con tre storie nel futuro prossimo. Alcuni ragazzi gay e lesbiche si sottopongono a un duro addestramento per arrivare a sembrare veri e propri neonazisti. L’obiettivo è quello di entrare nelle fila di questi ultimi e distruggerli dall’interno. Ma questo è solo l’inizio. Per tutti gli spettacoli Ingresso libero.

Tommaso Bellini

Commenti