Cronaca
Questa l'ipotesi della Polstrada - La Procura ha aperto un’inchiesta
Rogo sulla A21, forse il camionista era "distratto"
pubblicato il 4 gennaio 2018 alle ore 19:12
immagine
Il camion in fiamme all'altezza del ponte 217 della A21

Brescia - "L'incidente in cui hanno perso la vita sei persone potrebbe essere stato causato dalla distrazione del conducente del Tir che ha tamponato prima la vettura con a bordo la famiglia francese, poi l'autocisterna piena di liquido infiammabile" - lo ha spiegato stamane la dirigente della Polstrada Barbara Barra. Potrebbe essere questa la spiegazione della dinamica del disastroso incidente avvenuto lunedì 2 gennaio sull’autostrada A21, tra i caselli di Brescia sud e Manerbio, allorquando un tamponamento a catena ha provocato l’esplosione di una cisterna e il decesso di sei persone, tra cui due bambini. Al momento quindi, l'ipotesi più accreditata è che il conducente del Tir che ha provocato il tamponamento non sia riuscito a frenare in tempo per evitare le macchine incolonnate a causa di un precedente incidente. "Tutti i veicoli erano in fase di rallentamento, tra l'altro regolarmente segnalato. Purtroppo il mezzo pesante - ha concluso la dirigente della Polstrada - non è riuscito a interrompere la propria corsa". Anche il racconto riferito agli inquirenti dall’autista del mezzo pesante che trasportava la cisterna esplosa, il quale è residente a Bolzano, nonchè unico superstite della strage, prende in considerazione della stessa ipotesi.

Tutte le vittime, gli occupanti francesi della vettura e l’autista del Tir, sono morte nell’incendio scoppiato dopo il violento scontro. Fonti giudiziarie hanno spiegato che "I corpi, del tutto irriconoscibili, sono stati trasferiti a Brescia, a disposizione della medicina legale, poiché si deve procedere con le autopsie". Ricordiamo che il devastante incidente è avvenuto sulla A21, Torino-Brescia, tra i caselli di Brescia Sud e Manerbio. Sei le vittime della disastrosa "carambola" stradale, tra cui due bambini. La vettura con a bordo la famiglia francese si trovava ferma in coda vicino all'altezza del ponte 217, nel tratto del comune di Montirone, ed è stata tamponata da un camion che trasportava ghiaia. Dopodichè vi è stato un violento urto da parte dell'auto e del Tir contro la cisterna del mezzo pesante che li precedeva, piena di liquidi infiammabili. Come conseguenza, la cisterna di quest'ultimo camion ha preso fuoco. Nel frattempo roseguono le indagini degli inquirenti e la Procura di Brescia ha aperto un'inchiesta (m.m.)

Foto
Commenti