Provincia
La mostra si terrà a Villa Balestra nei primi due weekend di gennaio
A Rodigo “C’era una volta”...
pubblicato il 2 gennaio 2018 alle ore 12:04
immagine
Villa Balestra a Rodigo

Rodigo - Sarà l’affascinante contesto di Villa Balestra di Rodigo a fare da cornice alla mostra dal titolo “C’era una volta” che verrà proposta dall’Ente Manifestazioni Rodigo nei due fine settimana 6 - 7 e 13 - 14 gennaio. La cerimonia d’inaugurazione dell’esposizione che porrà l’accento sulle opere delle collezioni di personaggi come Giulia Casari, Remo Negri, Adriano Ogliosi e Laura Savazzi si terrà sabato 6 gennaio alle 16,30.

Il filo conduttore di questa iniziativa sarà il tema dell’emigrazione che nei primi decenni del secolo scorso venne vissuta da moltissimi italiani che hanno lasciato la propria terra natale per andare a cercare fortuna fuori dai confini nazionali e tra questi anche molti rodighesi. L’intento dei promotori della mostra è quello di offrire uno spunto per riflettere su eventi che nel passato come in questi giorni raccontano di scelte non facili da compiere, ma dinanzi al desiderio di migliorare le proprie condizioni di vita si affrontano con tanta determinazione e volontà. In molti casi il cammino compiuto si è rivelato vincente, gli obiettivi fissati si sono raggiunti in altri invece il destino non ha riservato le medesime soddisfazioni.

L’iniziativa predisposta dal gruppo di appassionati guidato da Giancarlo Ronchi, che disporrà anche del patrocinio del Comune di Rodigo, sarà resa ancor più ricca di motivi d’interesse grazie ad alcuni eventi che si terranno nelle medesime date. Domenica 7 gennaio ad esempio, nella sala centrale di Villa Balestra alle 16,30 verrà proiettato in prima visione del film “Il canto di Natale” una rielaborazione della nota fiaba di Dikens che porta la firma nella regia di Daniela Gili e Massimo Gallesi, mentre la domenica successiva nel medesimo orario verrà proposto il concerto del chitarrista Nino Torraco. La mostra sarà aperta al pubblico dalle 16,30 alle 19,30 nel giorno dell’Epifania, dalle 10 alle 12,30 e dalle 15,30 alle 19,30 nei restanti giorni.

Paolo Biondo

Commenti