Provincia
Dopo 50 anni di attività i coniugi erano stanchi di gestire il loro negozio
Bagnolo, chiude lo storico "Frutta e Verdura"
pubblicato il 2 gennaio 2018 alle ore 11:33
immagine
Bagnolo, lo storico negozio "Frutta e Verdura" di Ido e Itala

Bagnolo San Vito - L’anno appena trascorso è stato l’ultimo di attività per lo storico negozio “Frutta e Verdura” di Ponte Travetti a Bagnolo San Vito. L’esercizio, gestito per oltre mezzo secolo da Ido Ferrari e dalla moglie Itala Castagna, ha chiuso i battenti definitivamente poche ore prima della Vigilia di Natale tra i ringraziamenti e le strette di mano degli affezionati clienti, che non hanno perso l’occasione per acquistare un ultimo prodotto dai loro consiglieri di fiducia. Ed è proprio in questi momenti che affiorano i ricordi dei bagnolesi, più o meno giovani. C’è infatti chi menziona piacevolmente i tempi in cui Ido, allora ambulante, si recava a bordo del proprio camion lungo le vie del paese rifornendo le abitazioni di frutta fresca e verdura di stagione, oppure chi, dopo aver acquistato la merce, sempre adeguatamente pesata e riposta nel sacchetto, si fermava a scambiare quattro chiacchiere con lui. Bei tempi, fanno presente gli intervistati. «Purtroppo l’età avanza inesorabilmente - le parole della moglie Itala, meglio conosciuta col soprannome di Carla - e più di cinquant’anni di attività iniziano a farsi sentire. Io e mio marito siamo stanchi e in più i continui problemi alla vista di Ido (78 anni, ndr) hanno influito sulla scelta di lasciare. E’ da circa 10 anni che per aiutarlo faccio presenza fissa in negozio, ora però non ce la faccio più ed è giunto il momento di mollare tutto». Nessun timore però, perché Bagnolo San Vito continuerà ad avere un fruttivendolo di fiducia dato che l’attività è già stata rilevata dalla signora Anna che garantirà l’attesa continuità. La sistemazione dei locali è giunta a buon punto e l’inaugurazione de “L’Orto del Borgo” (questo il nuovo nome del negozio) è stata fissata per il giorno dell’Epifania, ovvero sabato 6 gennaio 2018. E’ l’inizio di una nuova era. (m.m.) 

Commenti