Sport
Inizio anno decisivo per le ambizioni dei biancorossi: dal big match di Verona in poi
Mantova, un gennaio incandescente
pubblicato il 31 dicembre 2017 alle ore 19:01
immagine
Mantova, un gennaio incandescente

MANTOVA  Il Mantova Calcio saluta senza rimpianti, anzi con sollievo, il 2017. Anno di emozioni forti e contrastanti, di gioie effimere, fallimenti e rinascite, discese ardite e risalite. Alle porte c’è un 2018 ancora indecifrabile, tutto da scrivere e da vivere, con i suoi carichi di incognite e speranze. Un 2018 che per i colori biancorossi partirà subito in quarta, con un mese di gennaio che si preannuncia caldissimo. Quattro le giornate in programma, dal 7 al 28, per infiammare la corsa al primo posto. L’unico che garantisce la promozione in C, mentre con gli altri al massimo si può ambire al ripescaggio. Vediamo dunque cosa riserva il primo mese dell’anno alle prime cinque in classifica. Dando uno sguardo generale, scopriamo che il calendario sulla carta più ostico è quello della Virtus Vecomp: ben tre scontri diretti su quattro partite. I veronesi partiranno proprio col Mantova in casa. Poi, dopo la parentesi Calvi Noale, ospiteranno l’Arzignano (con la quale condividono attualmente il primo posto) e chiuderanno il mese ad Este. Insomma, un percorso ricco di insidie. O, visto dall’altra parte, una magnifica opportunità per la Virtus di azzoppare le rivali e mettere un’ipoteca sulla promozione. Il cammino più tranquillo (sempre sulla carta, si capisce) è invece quello del Campodarsego, chiamato ad affrontare squadre di media e bassa classifica: dall’Ambrosiana al Montebelluna, passando per Clodiense e Cjarlins. Non che i padovani siano immuni da rischi, anzi: il mercato di dicembre, come sempre accade, qualche equilibrio l’avrà modificato. Senza contare che le squadre di bassa classifica moltiplicheranno gli sforzi per uscire dal pantano. Insomma, antenne dritte anche per il Campo. Lo stesso discorso, più o meno, vale per la capolista Arzignano che affronterà un unico scontro diretto, a Verona con la Vecomp (terza giornata), ma che ha la grande possibilità di incamerare parecchi punti con Cjarlins, Vecomp e Abano. L’Arzignano è anche l’unica delle prime cinque che in gennaio troverà sul suo cammino la cenerentola Abano. E il Mantova? Quello dei biancorossi è un calendario denso di opportunità e trappole. Si parte, come tutti sanno, dal big match del 7 con la Vecomp; poi due squadre abbordabili, come il Cjarlins (in casa) e il Montebelluna (fuori), che però all’andata diedero grossi dispiaceri ai biancorossi; infine il Belluno, che dai play off dista tre punti ma fino a un mese lottava per la vetta. È evidente che il Mantova, distante 7 punti dal primo posto, in queste quattro gare si gioca una bella fetta di promozione; e che il risultato di Verona avrà un peso notevole sulle ambizioni biancorosse. Simile a quello dei virgiliani è il calendario dell’Este, che incrocerà Clodiense, Adriese e Ambrosiana prima dello scontro diretto del 28 con la Virtus Vecomp. Volgendo lo sguardo più in là, ci sarebbe poi un succulento Vecomp-Campodarsego ad aprire il mese di febbraio. Ma il piatto è già ricco abbastanza, quindi fermiamoci qui e cominciamo fin d’ora a pregustare questo entusiasmante inizio 2018. Prologo di chissà quale seguito. Cin cin.

Gabriele Ghisi

Commenti