Provincia
Dopo oltre 30 anni d'incontri, partite a biliardo, caffè, amari e gelati
Villimpenta, chiude lo storico Bar Sport
pubblicato il 31 dicembre 2017 alle ore 18:50
immagine
Il Bar Sport rilevato 36 anni fa da Luciano Bighellini

VILLIMPENTA  Ben più di una saracinesca tirata, di una vetrina spenta. Il giorno primo gennaio 2018, con l’annunciata chiusura del bar “Sport” di piazza Roma, se ne va un pezzo di storia di Villimpenta. Un altro duro “colpo” per il centro storico del paese, perché l’esercizio sotto i portici, tra i più famosi e conosciuti di tutto il circondario, era ormai una sorta di istituzione. Ubicato nell’angolo nevralgico della piazza, con la porzione di balcone al primo piano, dove in occasione della Fiera di Luglio si svolge l’estrazione della tombola, fungeva da osservatorio privilegiato. Oggi è l’ultimo giorno intorno ai tavoli da carte per molti villimpentesi e per tutti gli avventori del mercato domenicale che non potevano sottrarsi dal degustare quel «buon espresso», magari buttando l’occhio alle foto d’epoca, ai poster e agli articoli di quotidiani in mostra sulle pareti. Dopo oltre tre decenni di chiacchere, partite a biliardo e a biliardino, caffè, amari, gelati e granite, il bar più longevo del paese del risotto, rilevato da Teresa e Luciano Bighellini nel 1981 durante la Fiera di Luglio e tramandato poi al figlio Tullio, in seguito coadiuvato dalla moglie Emanuela e dalla figlia Valentina cessa la sua onorata attività. Sintomatica cartina tornasole di un fenomeno che sta investendo le piccole località di provincia, che tristemente stanno cambiando il loro volto. Al momento non è ancora dato a sapersi se qualcuno subentrerà nei prossimi mesi. Tutti, ovviamente, ci sperano. E intanto i clienti si rammaricano per la perdita di un luogo in cui, per anni, si sono incrociate vite e racconti. Da lì, infatti, sono passate diverse generazioni di villimpentesi.

Matteo Vincenzi

 

Commenti