Cronaca
Continua il degrado in centro - Scassinata la serranda, distrutte le vetrine, gettate le riviste
Devastata l'edicola in piazza Martiri di Belfiore
pubblicato il 31 dicembre 2017 alle ore 16:29
immagine
L’edicola di piazza Martiri tornata nel mirino dei malviventi

MANTOVA  Ormai l’asse piazza Cavallotti - piazza Martiri di Belfiore è sdoganata. L'altra notte, poco dopo le due, un malvivente in cerca di soldi ha scassinato l’edicola di piazza Martiri buttando all’aria tutto quanto ha trovato sulla propria strada alla ricerca di danaro. Riviste, giornali, gadget ed espositori tutti lanciati a terra senza ritegno salvo poi accorgersi che all’interno la cassa era assolutamente vuota. Sono bastati alcuni minuti per gettare tutto  a soqquadro e altrettanti minuti per darsi alla macchia facendo perdere le tracce.

Prima dell’apertura dell’edicola, oltre alla confusione, il proprietario ha notato l’assenza di alcuni modellini di automobili e figurine dei Pokemon che gli inquirenti sostengono essere stati successivamente asportati da passanti. Insomma, oltre al danno la beffa. «Quando mi sono svegliato attorno alle 4 e ho visto Carabinieri e Polizia nei pressi dell’edicola - ha commentato amareggiato  il titolare Paolo Rossi - ho capito subito che era successo qualcosa.  Non hanno portato via nulla di così importante, tuttavia è stato grande lo sconforto nel vedere tutta la roba in terra. Alla fine sono state proprio le forze dell’ordine a darmi una mano a rimettere tutto a posto». Gli inquirenti sono al lavoro con il sostegno delle telecamere poste nella zona e pare che ad agire sia stato un singolo attorno alle due.

L’edicola di piazza Martiri di Belfiore è spesso entrata nel mirino dei malviventi tanto che negli ultimi quattro anni è già stata visitata da ladri più volte, oltre al danneggiamento dell’estate scorsa». La zona, dunque, è tornata tristemente alla ribalta della cronaca per vandalismi e degrado, come del resto conferma lo stesso edicolante. «Ormai la zona è fuori controllo - dice -: ogni mattina mi ritrovo davanti all’edicola bottiglie di vino e di birra in quantità industriale, e il locale sporcato da escrementi e pipì. Pazienza, pulisco: ma quando succedono cose come quella dell'altra notte monta forte il dispiacere. Rimedi? Credo che possano fare presidi finché vogliono, ma non è assolutamente sufficiente a fermare questa delinquenza dilagante. Tra piazza Cavallotti e piazza Martiri ormai siamo arrivati ad un punto di non ritorno. La situazione è fuori controllo e la zona è in mano agli sbandati». (m.m.)

 

Commenti