Cronaca
Giallo sull'efferato assassinio di Capodanno
Donna fatta a pezzi a Valeggio
pubblicato il 1 gennaio 2018 alle ore 16:37
immagine
Le prime indagini dei militari dell'Arma

VALEGGIO  Capodanno di sangue a Valeggio sul Mincio. Come in un truculento film del terrore, una donna è stata assassinata e fatta a pezzi, probabilmente con una sega elettrica. Il corpo della malcapitata, caucasica dall’apparente età di circa 30/40 anni, senza indumenti addosso a parte la biancheria intima, è stato ritrovato casualmente da un allevatore della zona in un’area isolata di campagna, attigua a località Corte Gardone.

La tragica scoperta è avvenuta nel tardo pomeriggio di sabato 30 dicembre. Nonostante l’evidente stato di shock e l’orrore, il contadino è riuscito a dare l’allarme e avvertire la vicina stazione dei carabinieri. In zona sono subito accorsi i militari dell’Arma per effettuare i rilievi e gli accertamenti di legge. Le prime indagini sull’efferato omicidio sono state prese in carico dal reparto operativo di Verona e dalla compagnia di Peschiera del Garda, assieme alla sezione investigazioni scientifiche dell’Arma.   

La vittima, di cui al momento non si conosce ancora l’identità, è stata abbandonata sul posto maciullata non più tardi di 24/48 ore prima. I resti, una decina di pezzi umani tra cui la testa con capelli castani di media lunghezza e il volto ancora integro, erano sparsi in un raggio di circa tre metri. Ciò dovrebbe coadiuvare gli inquirenti nell'identificazione della vittima.

Nessuna ipotesi è possibile al momento sul movente del delitto. Gli investigatori stanno vagliando tutte le recenti denunce di donne scomparse in Veneto e nelle regioni limitrofe, ma attualmente sono troppo pochi gli elementi per poter indirizzare le indagini verso una pista precisa.

Un terribile mistero che non ha mancato di mettere in allarme tutti gli abitanti della zona. (m.m.)    

Commenti