Cronaca
"Nuova capitale sexy "
Sex-gate. Mantova ci ride su con il Numero Unico dell'Ugm
pubblicato il 27 dicembre 2017 alle ore 20:04
immagine
Da sinistra: Marchetto, Rizotti, Pini, Boninsegna, Minardi

Mantova “Mantova capitale sexy 2017”, non è certamente il riconoscimento più ambito da un capoluogo di provincia, ma a quanto pare la Città dei Gonzaga è riuscita a farlo proprio, almeno per i simpatici, ironici e scanzonati componenti dell’Ugm. Volendo, senza intaccare sia ben chiaro la dignità di chiunque, lo si potrebbe considerare la ciliegina sulla torta dei premi attribuiti a Mantova, dopo quello di capitale italiana della cultura 2016, di città europea dell’enogastronima 2017 e di città europea dello sport, 2019. Infatti, per il numero unico dell’Ugm, Mantova, grazie agl’inattesi eventi delle settimane che hanno preceduto la sua uscita e legati alle disavventure che hanno avuto come protagonista il primo cittadino del capoluogo virgiliano, è divenuta la capitale italiana 2017 del gossip legato al sesso. Ancora una volta la pubblicazione ideata e realizzata dalla redazione dell’Unione Goliardica Mantovana, quest’anno diretta con la tradizionale e pungente irriverenza dall’ex direttore de La Voce di Mantova, Romano Gandossi, ha colto nel segno. Sabato 23 dicembre, come vuole un copione ormai consolidato nei decenni, sono ben sei quelli raccontati da questo volume, dinanzi alla vecchia sede dell’Ugm, a pochi passi dal Teatro Sociale, è avvenuta la vendita dell’opera. Appuntamento che, abilmente coordinato da un personaggio esperto come Mino Rizzotti che nel suo esaltare la mantovanità più schietta conosce alla perfezione i pregi e i difetti dei mantovani, soprattutto di quelli più noti, ha richiamato l’attenzione di numerose persone. Un rito, quello della vendita del numero unico poco prima di Natale, che ovviamente si è svolto anche con la presenza di una madrina d’eccezione ovvero la miss Nicola Minardi che con la sua simpatia e fascino ha contribuito a rendere l’atmosfera più coinvolgente. Tanti i volti noti che sono transitati dinanzi al punto di ritrovo per la vendita del volume, e tra questi anche l'avvocato Davide Pini, che difende Elisa Nizzoli, la donna che non ha mai voluto accusare il sindaco di Mantova da presunta vittima della tentata concussione sessuale, e che con il prosieguo delle indagini, che hanno visto gli inquirenti chiedere l'archiviazione delle accuse a Palazzi, è finita invece a sua volta nel registro degli indagati con l'accusa di avere manomesso i messaggi tra lei e il primo cittadino, quei messaggi per i quali Palazzi era finito sulla graticola. Oltre all'avvocato Pini ci sono stati altri esponenti del mondo economico nonché di quello delle professioni, artistico fino a quello sportivo che non si sono sottratti al confronto con Mino Rizzotti che nel pieno spirito della pubblicazione ha cercato di “scavare” nel gossip cittadino per scoprire altre novità più o meno piccanti della quotidianità di casa nostra. Soddisfatti quindi i promotori dell’evento e tra loro Enzo Ongari, Alessandro Boninsegna, Benedetto Abate e Carlo Guendalini. (p.b.)

Commenti