Sport
Calcio Serie D
Speziale, intervista al veleno: "Il Mantova mi ha costretto ad andare via". La replica di Penta
L'attaccante, ora al Forlì, dichiara al sito gianlucadimarzio.com: "Mi hanno detto che potevo rimanere solo abbassando lo stipendio". L'ad risponde con una citazione cinematografica
pubblicato il 24 dicembre 2017 alle ore 19:39
immagine
Speziale, intervista al veleno: "Il Mantova mi ha costretto ad andare via". La replica di Penta

(ore 16.20) Alle parole di David Speziale ha replicato l'amministratore delegato del Mantova, Nicola Penta: "Non è vero che volevamo affidarci solo ai giovani, tant'è vero che abbiamo preso Guazzo, Raggio Garibaldi, Aldrovandi e Bertozzini, che giovanissimi non sono. Per il resto mi rimetto a una citazione cinematografica: dove osano le aquile... e dove volano le farfalle. Chi vuole intendere intenda".

(ore 10.50) Sono passate alcune settimane dall'addio di David Speziale al Mantova, ma non si è ancora spenta l'amarezza per una separazione, a detta dell'attaccante, praticamente imposta. Queste  le parole della punta, ora al Forlì, al sito del noto giornalista  sportivo Gianluca Di Marzio: “Stava andando tutto bene, eravamo in linea con l’obiettivo prefissato che era quello di centrare i playoff. Nel mercato di dicembre però la società [il Mantova] ha deciso di cedere i più esperti della squadra per affidarsi solo ai giovani. Per questo ho deciso di partire. Mi hanno portato ad andarmene: mi hanno detto che sarei potuto rimanere solo se avessi accettato di abbassare il mio stipendio, ma non sono andato via per soldi. Ma per una questione di mancanza di obiettivi”.

Redazione Sport
Commenti