Provincia
A San Silvestro persero la vita 11 bambini e una suora
Ricordata la strage della Casa dei Vetri
pubblicato il 22 dicembre 2017 alle ore 21:37
immagine
La Casa del Sole

San Silvestro (Curtatone) (19:35) La Casa del Sole di San Silvestro ha ricordato oggi, venerdì 22 dicembre, la strage della Casa dei Vetri, che il 23 dicembre del 1944 vide cadere una bomba su un’ala dell’edificio causando la morte di undici  bambini e di una suora. Un evento che rientra nelle pagine di storia più drammatiche del territorio e per il quale, insieme all’eccidio della Valletta Aldriga,  Curtatone è stato insignito nel 2007 della medaglia d’argento al merito civile dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

(19:50) La Casa del Sole con il Comune di Curtatone ha quindi organizzato la tradizionale cerimonia commemorativa. Una tragedia che si consumò quando una bomba, sganciata presumibilmente da un aereo delle forze alleate anglo-americane, cadde sulla Casa dei Vetri, l'odierna Casa del Sole.

(20:18) Poco prima erano stati visti sei aerei in formazione in direzione dei ponti del lago di Mantova per sganciare le loro bombe fissate sotto le ali. Nel comporsi in formazione di ritorno, uno di loro si staccò dagli altri perché uno degli ordigni, si seppe più tardi, non si era staccato. Questo cadde accidentalmente proprio in un angolo del “Palazzo dei Vetri”, dove erano alloggiati i bambini, quasi tutti sfollati dell’Istituto Soncini di Mantova, aprendo  un grande squarcio nel soffitto e condannando a morte 11 bimbi ed una suora.

(20:38) Una tragedia, ricordata alla presenza del sindaco Carlo Bottani, accompagnato dall’assessore Angela Giovannini, dal presidente del consiglio comunale Giorgio Maffezzoli e dal alcuni funzionari, dal Comandante dei Cc locali Maurizio Tessa, dal neo presidente  della Casa del Sole, Enrico Marocchi, e dalla vice Elvira Sanguanini. E proprio alla struttura di Silvestro è stato rivolto il pensiero del primo cittadino che ne ha sottolineato l’impegno continuo. Una missione, quella della Casa del Sole, «pesante ma di alto profilo che deve continuare», ha aggiunto Marocchi. A chiudere la cerimonia è stato Maffezzoli che ha ripercorso quel tragico 23 dicembre ricordando, infine, che «le guerre sono solo disastri». (V.G.)

Commenti