Eventi e Società
Il 10 e 15 luglio
Jamiroquai e Massive Attack in piazza Sordello
pubblicato il 14 dicembre 2017 alle ore 13:14
immagine
Palazzi e Mazzoli durante la presentazione

Mantova    Doppio appuntamento in piazza Sordello il 10 e 15 luglio per Mantova Arte e Musica con i concerti di Jamiroquai e Massive Attack.  Questi ultimi, da sempre innovatori in campo musicale, hanno fondato il genere “trip hop” e vinto innumerevoli premi durante la loro carriera (i loro album Blue Line e Mezzanine sono stati inseriti da Rolling Stone fra i 500 album più belli di sempre). Hanno collaborando con artisti quali Madonna, Sinéad O’Connor, Burial, Mos Def e remixato brani per U2, Nas, Peter Gabriel, Lisa Stansfield e Garbage, vendendo oltre 11 milioni di dischi nel mondo. Il gruppo inglese, fondato nel 1988, è formato da Robert “3D” Del Naja, Grantley “Daddy” Marshall, Andrew “Mushroom” Vowles e Adrian “Tricky” Thaws. Fondata dal frontman Jay Kay nel 1992, i Jamiroquai sono i pionieri del “future funk” nonché una delle band di maggior successo di tutti i tempi. Fin dal loro album d’esordio “Emergency on Planet Earth” nel 1993, i Jamiroquai hanno completamente reinventato il suono del pop moderno, influenzando tantissimi artisti e annoverando tra i propri fan, tra gli altri, Chance the Rapper, Pharrell, Tyler the Creator e Jungle. La band nel corso della carriera si è esibita con “mostri sacri” della musica quali Stevie Wonder e  Diana Ross, che hanno contribuito a ‘consacrare’ i Jamiroquai come una delle band più rilevanti e innovatrici dei nostri giorni. Con oltre sette album che hanno raggiunto la top10 della classifica inglese (tre hanno raggiunto addirittura la #1) e un Grammy Award vinto, la band ha venduto oltre 26 milioni di dischi in tutto il mondo e ottenuto il record nel Guinnes Book of World Records per l’album funk più venduto di sempre. I biglietti per il concerto andranno in vendita a partire dalle ore 10.00 di venerdì 15 dicembre 2017 su www.ticketmaster.it, www.ticketone.it e in tutti i punti vendita autorizzati.

Commenti