Cronaca
Si autosospende il primario di Cardiochirurgia degli Spedali Civili
Chirurgo indagato per omicidio
pubblicato il 12 dicembre 2017 alle ore 11:54
immagine
Gli Spedali Civili di Brescia dove la donna è stata operata l’8 febbraio dello scorso anno

Mantova Si è autosospeso per poter chiarire la propria posizione. Sono molto pesanti le accuse nei confronti del primario di cardiochirurgia universitaria degli Spedali Civili di Brescia Claudio Muneretto, 60enne romano di nascita ma residente nel mantovano, che a fine novembre ha saputo che nei suoi confronti la Procura di Brescia sta indagando nientemeno che per omicidio volontario aggravato da futili motivi e addirittura dalla premeditazione, oltre al falso ideologico per aver manomesso - sostiene l’accusa - la cartella clinica di una paziente. La vicenda cui fa riferimento l’accusa è capitata nel febbraio del 2016 quando una 57enne commerciante di Legnago - Angiola Maestrello - era entrata in sala operatoria agli Spedali Civili per una operazione ed era morta qualche giorno più tardi al nosocomio di Padova, dove era stata trasferita.
 

Commenti