Cronaca
Gli effetti dello scandalo: il successore
Mattia pensa a Rebecchi
pubblicato il 11 dicembre 2017 alle ore 15:40
immagine
L’assessore Iacopo Rebecchi

Mantova I piani di Palazzi non prevedevano certo un abbandono del campo a metà di questo mandato. Semmai il suo scopo era di farsi da parte in via Roma per lanciarsi a Roma in veste di deputato. Ma sul nome del suo successore i più non avevano dubbî. Andrea Murari, oggi assessore all’ambiente e all’urbanistica, sembrava l’uomo deputato a raccogliere il testimone. Senonché anche questa stima, peraltro credibile, incontra un’alternativa fornita dallo stesso Palazzi ad alcuni politici. La necessità di recuperare voti altrimenti persi nel calderone astensionista o del centrodestra gli avrebbe suggerito di puntare semmai su chi per estrazione sociale, professione e pubblica spendibilità godrebbe di maggiori possibilità di successo; ossia proprio quel Iacopo Rebecchi, che nella lista “Palazzi 2015” aveva ottenuto il maggior credito, tanto da diventare assessore alla viabilità. Con lui pare dovrebbero fare i conti gli avversarî del centrodestra tornando al voto.

Commenti