Cronaca
Per le prime schegge di follia
Tre mesi fa ricovero psichiatrico
pubblicato il 9 dicembre 2017 alle ore 10:56
immagine
Antonella Barbieri

Suzzara C’è un aspetto che gli inquirenti approfondiranno sicuramente nei prossimi giorni per cercare di ricostruire la spirale di follia che ha avviluppato Antonella Barbieri portandola a uccidere i propri bambini Lorenzo e Kim: la donna infatti sarebbe stata sottoposta, in settembre, a un provvedimento di trattamento sanitario obbligatorio che poi si era concluso con una sorta di rassicurazione che non vi era nulla di preoccupante e che presto sarebbe tornata la normalità. La conferma arriva dalle parole di Davide Benatti, padre di Andrea e suocero di Antonella, che ieri ha provato a fare scudo al dolore del figlio che si è comprensibilmente rifugiato dai genitori per cercare un impossibile lenimento al dolore che lo sta  investendo. In quella stessa casa, lo scorso settembre, per qualche tempo erano andati ad abitare Lorenzo e Kim, i loro due nipotini strappatialla vita in modo così orribile. Era stato quando la loro madre era finita in ospedale per una forte crisi depressiva. Era stata sottoposta a un Tso (trattamento sanitario obbligatorio), prima all’ospedale Oglio Po e in seguito a Pieve di Coriano. Alla fine era stata dimessa con una prognosi
positiva. Da allora Antonella Barbieri sembrava che si stesse riprendendo, tanto è vero che non ci sarebbe stata alcuna avvisaglia della tragedia che si è consumata l'altro ieri.

Commenti