Sport
Calcio Promozione
I fratelli Ekuban tutti a segno in 7 giorni
pubblicato il 13 settembre 2018 alle ore 18:55
immagine
Timothy Ekuban esulta

Goito  Domenica di festa per la famiglia Ekuban: il più piccolo Joseph (classe 2000) ha segnato domenica in Coppa Italia con la maglia del Mantova in serie D, il fratello Timothy, da sei anni colonna dello Sporting Club, ha realizzato una doppietta risolutiva nel derby di Promozione tra i goitesi e l’Asola, finito 3-0 per il team di mister  Alessandro Novellini. Con lo stop delle categorie maggiori europee, non ha invece giocato nel weekend il fratello più alto in grado,  Caleb, che milita in Turchia nel blasonato Trabzonspor. Ma era andato a segno all’esordio nella partita precedente. Dunque possiamo dire che la famiglia Ekuban sia andata a segno al completo nel giro di sette giorni. Per la gioia di papà  Kobina: «Nostro padre ci tiene tutti sott’occhio - spiega Timothy - non fa differenze tra noi fratelli. Ci motiva allo stesso modo, è contentissimo per questo periodo ricco di gol». In effetti lo Sporting Club ha sorpreso un po’ tutti: nel precampionato i goitesi erano andati col freno a mano tirato, poi il boom dell’esordio con una sfida tutta mantovana, vinta con un buon margine: «Però il risultato è un po’ largo per noi, siamo stati bravi a sfruttare le opportunità che ci sono capitate. La partita è stata più dura del previsto, l’Asola si è dimostrata una buona squadra». Tutto di guadagnato per lo Sporting, che quest’anno ha come missione quella di alzare l’asticella, cercando di ottenere una salvezza più tranquilla: «Il play out è andato bene l’anno scorso, ma questa volta vorremmo evitare scomode appendici di campionato. Anche perchè non avevamo demeritato in stagione: purtroppo una combinazione sfavorevole di risultati ci aveva condannato allo spareggio per restare in Promozione». La società ha ingaggiato in estate tre giocatori provenienti dal San Lazzaro vincitore del torneo:  Mazzali, Coppiardi e  Beggi, oltre al portiere  Bignardi che aveva militato in biancazzurro l’anno prima e che ha centrato i play off con il Castel d’Ario. «I nostri nuovi compagni si sono inseriti benissimo in un gruppo molto consolidato come il nostro - racconta Timothy -, e ci stanno dando una grande mano sia a livello di gioco, che di spogliatoio. Insomma, hanno alzato il tasso tecnico del nostro gruppo. Allenarmi e giocare con un attaccante come Coppiardi, che ha calcato anche i migliori palcoscenici, mi servirà per imparare cose nuove. A livello personale spero di continuare a segnare, per permettere alla squadra di restare nella zona di sicurezza della classifica. Questa squadra non dovrà più soffrire».  (gluc)

Redazione Sport
Commenti