Provincia
Il primo round va al Comune
Roncoferraro, il Tar respinge il ricorso dei farmacisti
pubblicato il 12 settembre 2018 alle ore 13:18
immagine
Roncoferraro, il Tar respinge il ricorso dei farmacisti

Roncoferraro  Primo “round” al Comune di Roncoferraro. Il Tar di Brescia ha respinto il ricorso congiunto delle tre farmacie (le due del posto e quella della vicina Formigosa) che contestavano l’apertura di un nuovo presidio sanitario nella frazione di Barbasso.
Il mancato annullamento della deliberazione giuntale dello scorso 24 aprile 2018, recante la revisione della pianta organica delle farmacie con istituzione di una terza sede farmaceutica nella frazione posta sull’Ostigliese, significa che l’iter imbastito dall’amministrazione Baruffaldi può andare avanti e che di conseguenza può essere inviato alla Regione, ente preposto al rilascio delle concessioni.
«Le motivazioni del tribunale amministrativo sono perfettamente in linea con quelle che ci hanno portato ad agire in tal senso - ha detto il sindaco  Federico Baruffaldi  -: l’atto di richiesta di apertura di una nuova farmacia è prerogativa della giunta, e non del consiglio comunale come sostenevano i ricorrenti; la deroga al criterio topografico che abbiamo sfruttato (che consentirebbe non più di una farmacia ogni 3.000 abitanti) è legittima in quanto gli abitanti di Barbasso dovrebbero spostarsi con i mezzi pubblici, il che comporterebbe tempi di attesa lunghi, costi e disagi annessi allo spostamento». A sostegno della procedura avviata qualche mese fa, Baruffaldi rimarca il fatto che il 20% della popolazione di Barbasso è over 65 e quindi da considerarsi «in una condizione di potenziale fragilità, di conseguenza è da privilegiarsi una soluzione di prossimità (la farmacia “sotto casa”) invece di uno spostamento verso altre frazioni». Roncoferraro ha una popolazione di 6.982 abitanti, di cui 931 residenti nella frazione di Barbasso. l pronunciamento del Tar di fatto demanda in forma definitiva alla Regione la determinazione conclusiva sulla proposta avanzata dal Comune di Roncoferraro, alla quale fanno seguito i pareri dell’unità sanitaria locale e l’ordine provinciale dei farmacisti.

 

Matteo Vincenzi
Commenti