Provincia
A Porto Mantovano
Telecamere e agenti contro i furbetti del pattume
pubblicato il 11 settembre 2018 alle ore 12:42
immagine
Telecamere e agenti contro i furbetti del pattume

Porto Mantovano Giro di vite del Comune di Porto Mantovano nella lotta agli incivili che abbandonano i rifiuti trasgredendo le regole del corretto conferimento. L’amministrazione guidata da  Massimo Salvarani  si è dotata di alcune telecamere mobili da usare per contrastare gli illeciti ambientali. Non solo. Accanto alla nuova strumentazione è stato attivato anche il servizio di controllo dei parchi sulla base di una convenzione siglata con il Parco del Mincio, che ha messo a disposizione le guardie ecologiche che collaboreranno in modo fattivo con la Polizia Locale.
La logica è quella del potenziamento del controllo del territorio, con l’obiettivo e la volontà di contrastare efficacemente gli illeciti ambientali e punire i responsabili di comportamenti scorretti. Le telecamere sono quattro, sono già state installate e verranno attivate in questi giorni. Verranno posizionate in vari punti di Porto Mantovano, in particolare nelle zone considerate critiche per l’abbandono dei rifiuti, individuate dalla polizia locale anche grazie alle segnalazioni dei cittadini. La visuale di ogni occhio elettronico si potrà orientare in base alle esigenze e verrà indirizzata in modo preciso sull’area da tenere sotto controllo. La posizione delle telecamere verrà modificata a seconda delle esigenze, quindi non verranno dati punti di riferimento ai potenziali trasgressori.  «Stiamo incrementando, grazie anche ad un’organizzazione più articolata della polizia locale che esegue sempre più i controlli sul territorio  - dichiara  l sindaco  -  Ed ora, con questo duplice progetto che prevede l’inserimento delle telecamere e l’avvio della collaborazione con le guardie del Parco del Mincio, avremo maggiori possibilità di individuare i soggetti da sanzionare. L’obiettivo non è solo scovare i trasgressori, ma anche tutelare e salvaguardare l’ambiente in cui viviamo».

Redazione cronaca
Commenti