Cronaca
Processo Montedison
L’amianto c’è ma non si vede.
pubblicato il 17 novembre 2017 alle ore 11:44
immagine
l’avcocato Luca Partesotti

Mantova L’amianto c’è ma non si vede. In estrema sintesi è questo ciò che esce dalla sentenza della Cassazione per il processo Montedison. La procura non commenta la sentenza dei giudici della IV Sezione della Corte Suprema, perché le sentenze non si discutono ma si studiano. In maniera informale, però, in attesa di leggere le motivazioni della sentenza, in via Poma commentano che l’amianto non è sparito da questo processo, così come non sono sparite le sue vittime. Semmai a sparire sono state le condanne dei manager in materia di morti per esposizione ad amianto. Se ne ridiscuterà in sede di Corte d’Appello, dove è stata rinviata una parte di questo maxi-processo che lungo la strada tra Mantova e Roma ha perso molti suoi pezzi. In particolare tra gli avvocati delle parti civili serpeggia in queste ore successive alla sentenza una crescente preoccupazione per le sorti di questo processo. «Aspetto di leggere le motivazioni- commenta l’avvocato Luca Partesotti, veterano di questi processi in generale e di Montedison in particolare.

Commenti