Cronaca
Il trend è in calo: ora anche i poveri fuggono
Oltre 12mila bussano alla Caritas
pubblicato il 16 novembre 2017 alle ore 12:10
immagine
La conferenza stampa di ieri con Cavallari, Boldrini e Buvoli

Mantova Restano tante migliaia, ma il trend sembra calare. Si sta parlando delle persone che a vario titolo fanno ricorso alla Caritas diocesana nelle sue varie diramazioni, per trarre il minimo del sostentamento quantomeno con cibo e vestiario. Nella mattinata di ieri, l’Osservatorio delle povertà e delle risorse della Diocesi ha presentato in seminario il report delle attività svolte dalla rete dei centri di ascolto (Cda) della Caritas nel 2016. Tali centri di ascolto e servizio accoglienza condensati nell’acronimo Casa sono quelli che fanno capo a San Simone, per quanto riguarda le parrocchie mantovane, il Marta Tana di Castiglione delle Stiviere, il Monsignor Luigi Sbravatti di Suzzara, l’Associazione San Benedetto onlus di Poggio e Quistello, e i Cda parrocchiali di Castel Goffredo e Asola. All’evento erano presenti, oltre a Giordano Cavallari, direttore
della Caritas virgiliana, e Davide Boldrini, responsabile del Casa San Simone, anche Giovanni Buvoli, vice sindaco e assessore al bilancio. Nel loro complesso, i servizi Caritas hanno raggiunto nel 2016 circa 12.300 persone, vale a dire il 3% della popolazione residente, e ciò che emerge come dato di maggior rilievo dal report è senza ombra di dubbio la diminuzione di circa il 10% rispetto al 2015,

Commenti