Cronaca
Responsabilità dell’inceneritore
Braccio di ferro tra Fi e il sindaco
pubblicato il 30 ottobre 2017 alle ore 11:15
immagine
Braccio di ferro tra Fi e il sindaco

Mantova Il dibattito politico sull’inceneritore Pro-Gest si sta animando a suon di botta e risposta. Forza Italia e 5 Stelle accusano il sindaco di avere responsabilità dirette sul futuro camino della ex Burgo. Mattia Palazzi dal canto suo rinvia al mittente il tutto, ricordando che l’autorizzazione integrata ambientale sortita dalla conferenza dei servizi del 2014 (quella che rinnovava la concessione alla Burgo per un inceneritore da 70mila tonnellate) aveva trovato il consenso della giunta Sodano. E a questo punto gli azzurri tornano alla carica con i documenti alla mano: durante quella conferenza – di cui la Provincia di centrosinistra guidata da Alessandro Pastacci aveva la titolarità – il Comune si oppose chiedendo prescrizioni che la stessa Provincia non recepì. «Mattia ha preso un abbaglio – ribatte il capogruppo in Comune Pier Luigi Baschieri –. Forza Italia non diede alcun parere positivo all’Aia. Ne ho le prove formali. Palazzi accecato dalla rabbia tenta di scaricare come sempre le colpe sulla passata amministrazione per esaltare ogni sua azione politica. Il gioco dello scaricabarile non mi piace».
 

Commenti