Provincia
Viadana
Fuori strada e poi simula il furto dell'auto: denunciata
pubblicato il 10 agosto 2018 alle ore 11:47
immagine
Fuori strada e poi simula il furto dell'auto: denunciata

Viadana Si è recata  in caserma dai carabinieri di Viadana per denunciare il furto della sua auto. Peccato però che la vettura non le era stata sottratta da sconosciuti, la giovane infatti l’aveva lasciata abbonata sul ciglio del fosso, dopo essere uscita di strada. Sperava cosi di evitare sanzioni e controlli. E’ stata quindi denunciata dai militari dell’Arma per il reato di simulazione di reato una 21enne residente a Parma.    
Come si sul dire la ragazza ci ha provato a convincere i carabinieri ma evidentemente non è stata abbastanza brava a mentire, oppure la sua storia era talmente inverosimile che non poteva essere reale. La 21enne parmense si è presentata mercoledì dai militari informandoli che qualcuno aveva rubato la sua vettura. Era parcheggiata davanti alla birreria  “Peace&Po” di Guastalla. 
Locale dove lei, insieme a qualche amico, aveva passato la serata. All’uscita, come detto, non avrebbe  trovato la macchina lasciata nel parcheggio antistante. Dopo lo spavento, ha raccontato, ha pensato di rivolgersi alle Forze dell’ordine e chiedere il loro aiuto. Nello stesso momento però in cui lei si trovava in caserma a compilare la denuncia, una pattuglia degli stessi carabinieri rinveniva la vettura poco lontana dal locale. Il mezzo era stato abbandonato sul ciglio della strada con evidente ammaccature, risultato di un’uscita di strada. 
Non ci è voluto molto per sgamare la ragazza e comprendere che  la storia del furto era solo un’invenzione fatta dalla 21enne con lo scopo, probabilmente, di evitare sanzioni e controlli che avrebbero, probabilmente,  dimostrato irregolarità. Così in  pochi secondi la giovane dallo status di  accusatrice  è passata a quello di accusata con l’obbligo di rispondere, come detto, all’accusa di simulazione di reato.

Redazione provincia
Commenti