Provincia
Progetto del Comune di Sabbioneta
Il colore degli edifici in centro? Li decide il Comune
pubblicato il 8 agosto 2018 alle ore 10:55
immagine
Il colore degli edifici in centro? Li decide il Comune

Sabbioneta La “città ideale” avrà un piano colore e a occuparsene sarà l’architetto Marco Turati di Cremona. Il documento andrà a integrare i piani urbanistici esistenti. Lo scopo è quello di rendere le pratiche edilizie più certe e rapide sull’esito, fornendo indicazioni chiare su aspetti che altrimenti dovrebbero essere oggetto di confronto con la Soprintendenza. Ad oggi, infatti, la tinteggiatura degli edifici all’interno del centro storico è ancora soggetta alla discrezionalità del proprietario, che può optare anche per colori sgargianti come il giallo elettrico o altre tonalità, considerate non consone al contesto dell’edificato storico sabbionetano. «Il piano - afferma il sindaco Aldo Vincenzi - fa parte dei due progetti che abbiamo messo in cantiere sul bando Attract di Regione Lombardia. Il bando era incentrato sull’attrattiva dei luoghi e finanziava anche progetti di attività private del territorio come alberghi e negozi, in relazione a restauri o all’innovazione tecnologica. Come Comune abbiamo messo in campo un progetto da 125mila euro, di cui 100mila cofinanziati dalla Regione e 25mila a carico del bilancio. Il piano colore, che al momento paradossalmente manca, riguarda appunto il centro storico, in quanto bene tutelato dall’Unesco». L’altro progetto, invece, è relativo alla riqualificazione della parte bassa del baluardo San Nicola. Servirà per migliorare la fruizione del centro città. L’area interessata è posta a ridosso della cinta muraria: verrà attrezzata come “luogo al servizio per l’interscambio del e per il centro storico”. Già individuato, anche in questo caso, il professionista che se ne occuperà: è l’architetto Federico Bianchessi di Cremona. Entrambi i progetti, naturalmente, verranno sottoposti al parere preventivo della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Cremona, Lodi e Mantova.
 

u.b.
Commenti