Provincia
Tante le novità nell'edizione numero 560
La Fiera delle Grazie sempre più internazionale
pubblicato il 8 agosto 2018 alle ore 10:06
immagine
La Fiera delle Grazie sempre più internazionale

Grazie (Curtatone)  Presentata l’edizione 2018 dell’Antichissima Fiera delle Grazie, in programma dal 13 al 16 agosto. L’evento è stato illustrato nell’Atrio degli Arcieri di Palazzo Ducale.  Un’edizione ricca di novità quella su cui si accenderanno i riflettori la prossima settimana: una fiera che, come spiegato ieri, unisce sempre più sacro e profano allargando i suoi confini. «Obiettivo è portare sempre più il mondo a Grazie e Grazie nel mondo», ha spiegato il sindaco  Carlo Bottani . E forse proprio la sua capacità di unire diversi aspetti e tradizioni fa della Fiera uno degli eventi più antichi ed importanti del territorio: «sarà un evento internazionale», come affermato dal prefetto  Sandro Lombardi . Un’unicità dove protagonista resta l’arte del gessetto di cui una testimonianza è sempre presente grazie al museo dei madonnari che ha avuto la grande idea di «rendere non effimero ciò che è effimero. Un intento molto bello», come evidenziato dall’assessore regionale alla cultura  Stefano Bruno Galli .  Tra novità ed innovazioni restano, però i punti saldi di una manifestazione divenuta negli anni la fiera di tutti i mantovani dove non può mancare l’aspetto commerciale con i suoi 200 espositori e le 31 attrazioni del lunapark ed un gazebo della Fiera Millenaria di Gonzaga. Grande novità di quest’anno è, inoltre, l’aggiunta di una rete wifi gratuita che darà «una spinta turistica e commerciale all’intero territorio», ha spiegato l’assessore e capoprogetto della fiera  Cinzia Cicola . Già dagli scorsi anni la manifestazione ha, infatti, investito molto sulla promozione social dell’evento riscuotendo un ottimo riscontro da parte del pubblico, come affermato dal vicesindaco  Federico Longhi .  Presenti alla conferenza, oltre  a  Massimo Maria Pucci , capoufficio del comando provinciale dei Carabinieri, anche  Carlo Beduschi , presidente del Centro Italiani Madonnari e  Marina Ferrari , presidente della Pro loco che hanno ricordato le origini della fiera e dell’incontro dei madonnari.

 

Valentina Gambini
Commenti