Cronaca
In aula a 13 mesi dall’accaduto
Fuga dopo l’incidente: a processo
pubblicato il 26 ottobre 2017 alle ore 11:56
immagine
Fuga dopo l’incidente: a processo

Mantova Dovrà rispondere di omissione di soccorso e lesioni gravissime il 28enne italiano che sul finire dell’ottobre del 2016 - giusto un anno fa - aveva investito un ciclista senza poi fermarsi a prestare soccorso. Il processo nei suoi confronti si aprirà il prossimo 28 novembre con l’udienza preliminare. La parte lesa è un 30enne originario del Bangladesh - clandestino in Italia - che rimase vittima di quell’incidente a seguito del quale ai chirurghi dell’ospedale Carlo Poma di Mantova non era rimasta altra scelta che amputargli la gamba dal ginocchio in giù, data la gravità delle ferite riportate. Il tutto era avvenuto dalle parti di Asola, in via Quattro Strade, un lungo rettilineo che conduce a Piubega. L’incidente, attorno alle 19 col sole già calato. L’Audi del ragazzo aveva urtato violentemente la bici sulla quale viaggiava il bengalese, volato a terra e soccorso qualche minuto dopo da un’altra auto di passaggio, il cui conducente aveva chiamato il 118 e le forze dell’ordine. Immediato il trasporto al Poma dove l’extracomunitario era stato sottoposto al delicato intervento
chirurgico per salvargli la vita.

Commenti