Sport
Basket Serie A2
La notte degli Stings: si parte da Bergamo
Prima di campionato per la Dinamica (ore 21). Lamma: “Non vediamo l’ora”
pubblicato il 28 settembre 2017 alle ore 22:06
immagine
La notte degli Stings: si parte da Bergamo

Mantova  Battesimo di fuoco per la Dinamica, che inizia stasera l’avventura in A2 sul campo della matricola Bergamo (palla a due alle ore 21 al PalaNorda), per altro già affrontata (e battuta) nel precampionato. Si fa sul serio, quindi, dopo un ciclo di amichevoli nel quale gli Stings hanno evidenziato progressi costanti, che fanno ben sperare tutti gli appassionati mantovani della palla a spicchi. L’obiettivo, manco a dirlo, è arrivare ai play off e lì spezzare il tabù che ha visto i biancorossi eliminati al primo turno nelle ultime due stagioni. Da quella passata è rimasto il nucleo italiano composto da capitan Gergati, Candussi, Vencato e Timperi. Il roster a disposizione di Davide Lamma, alla prima esperienza in panchina (nonché ex giocatore sia di Mantova che di Bergamo), è stato completato con Moraschini, cavallo di ritorno ancora fermo ai box, Cucci (da Tortona), i giovani Costanzelli (da Bologna sponda Fortitudo) e Ferrara (da Padova); nuovo pure il duo targato Usa, con l’ala Jones, veterano dei campionati italiani, e la guardia Brownridge, rookie uscito da Santa Clara University. 

«Il lavoro da fare è ancora lunghissimo - ha detto coach Lamma nell’antivigilia del match - però cominciamo ad avere il feedback dei due punti che è importante per i ragazzi e per costruire un’identità, per lavorare su quel che ci manca ancora e misurarci. Bergamo è una squadra di talento e giocatori esperti. Sarà molto difficile perché è anche la prima di campionato e tutte le squadre sono un po’ un’incognita».  
«Siamo una squadra giovane - aggiunge Valerio Cucci - il gruppo crescerà molto durante l’anno a livello di fisicità, esperienza e conoscenza del gioco. La prima giornata è sempre un vortice di emozioni, cercheremo di mettere a frutto le settimane di lavoro. Non è mai facile perché le partite di pre-season non hanno la stessa importanza di quelle di campionato: queste valgono due punti e vincere o perdere fa differenza. Partire in trasferta è più difficile ma questo non ci deve demoralizzare, anzi».

 

Redazione Sport
Commenti