Cronaca
Sono sei gli iscritti nel registrio degli idagati
Ramo crollato a Belfiore, sopralluogo martedì mattina
pubblicato il 11 luglio 2018 alle ore 12:27
immagine
Ramo crollato a Belfiore, sopralluogo martedì mattina

Mantova Dopo l’apertura del fascicolo d’inchiesta e la relativa iscrizione nel registro degli indagati per sei persone, ieri mattina è stata effettuata la prima ricognizione tecnica da parte del perito incaricato dalla Procura, circa il crollo del ramo ai giardini di Belfiore di due settimane fa. L’indagine di natura prettamente tecnica era scattata all’indomani dei fatti occorsi nell’area pic-nic del parco urbano che affaccia sulla sponda del lago Superiore. Un atto dovuto, avevano fatto sapere da via Poma, necessario in casi in cui si siano registrati feriti, per accertare l’esistenza di eventuali responsabilità. Ora all’esito di tale accertamento non ripetibile il sostituto procuratore titolare dell’inchiesta Silvia Bertuzzi, valuterà se le alberature fossero state regolarmente e di recente manutenute. Destinatari dell’avviso di garanzia, notificato la settimana scorsa, sei soggetti, tra dirigenti, funzionari ed amministratori di Comune e Mantova Ambiente. Per l’ente di via Roma l’assessore ai lavori pubblici, la cui delega comprende la manutenzione del verde urbano, Nicola Martinelli, il dirigente ed il funzionario del medesimo assessorato, rispettivamente Carmine Mastromarino e Marcella Ghidoni. Per la società del gruppo Tea, destinatari della notifica erano stati, invece, i legali rappresentanti della consorziata, ovvero il presidente Maurizio Bortolini, l’amministratore delegato Ivana Bertolasi ed il responsabile della gestione del verde Giorgio Grossi.  (loren)

Sabrina Cavalli
Commenti