Provincia
Agricoltura e imprenditoria
Elicicoltura Chicconi, a Revere l'allevamento più grande
pubblicato il 10 luglio 2018 alle ore 13:11
immagine
Elicicoltura Chicconi, a Revere l'allevamento più grande

Revere Tra i 20 e i 30mila chili  di gasteropodi  dotati di conchiglia suddivisi in più di 70 recinti. Sono solo alcuni dei dati che sommariamente descrivono l’allevamento di elicicoltura (allevamento di lumache) più grande d’Italia. Allevamento che si trova a Revere ed è di proprietà della famiglia Chicconi, Enea   e   Riccardo : il padre Enea, ex dirigente commerciale di un’azienda, dopo essere andato in pensione, ha voluto rienventarsi mettendo a frutto il podere agricolo dei suoi genitori con un’agricoltura alternativa e nell’avventura ha trascinato anche il figlio che di buon grado ha accettato di mettersi in gioco.  «Dopo tre anni di duro lavoro ora stanno arrivando i frutti, quest’anno infatti, siamo a pieno regime tanto che riusciremo ad arrivare ad una produzione che si aggira tra i 20mila e 30mila chili di lumache  - racconta Enea -. Prodotto che ci viene richiesto sia dal settore gastronomico, ristoranti piuttosto che rivendite commerciali, che da quello della cura del corpo. Non a caso nel giro di pochi mesi intendiamo realizzare all’interno dell’allevamento una camera bianca per la produzione di bava di lumaca, ricercatissima dalle case farmaceutiche e dalle Spa per le proprietà vitaminiche e proteiche». Orgoglioso, a ragion veduta, del lavoro che con il figlio sta portando avanti Enea Chicconi ha organizzato proprio a Revere il 21 lunglio dalle 8.30 alle 17  in sala civica, in collaborazione con l’istituto internazionale di elicicoltura di Cherasco e il Comune di Borgo Mantovano, un incontro informativo sull’elicicoltura. «Si tratta di un incontro che abbiamo concordato con il presidente nazionale dell’istituto con lo scopo di informare e raccontare che cos’è e come viene realizzata questo innovativo tipo di allevamento. Abbiamo già circa 70 iscritti a dimostrazione di quanto interesse esiste attorno alle lumache».

Redazione provincia
Commenti