Sport
Calcio Eccellenza
Gove per il bis, Castellana all'esordio
I Pirati sfidano il Cazzago al Vicini. I goffredesi cercano i primi punti sul campo di Iseo
pubblicato il 16 settembre 2017 alle ore 23:07
immagine
La Castellana

Mantova  Chi non muore si rivede: Governolese-Cazzagobornato è il revival della super sfida che due anni fa condusse i Pirati dalla Promozione all’Eccellenza. I gialloblù franciacortini dovettero piegare la testa al cospetto dei Pirati in quella stagione: oggi le due formazioni si ritrovano in categoria superiore, e con il morale a mille. Se infatti i rossoblù sono tornati trionfanti dall’insidiosissima trasferta di Brusaporto, i bresciani hanno portato a casa l’intera posta nella sfida con la Bedizzolese. «Abbiamo grande fiducia, ma siamo consapevoli che ci aspetta una partita molto difficile, seppur sul nostro terreno - spiega un sempre prudente  Marco Bresciani alla vigilia del match -. L’unico dubbio che ci riguarda è la presenza o meno di  Bianchetti, che mercoledì si è procurato un’elongazione muscolare. Vedremo se recupererà.  Berta invece sarà della partita, ma non da subito». Carte mischiate, invece, per quanto concerne la formazione iniziale: «Non sono uno dei seguaci del detto: “squadra che vince non si cambia”, potremmo anzi variare qualcosa in funzione delle caratteristiche dell’avversario». La notte porterà consiglio al tecnico dei Pirati. Tra le ipotesi al vaglio anche l’esordio dal primo minuto di  Tonini e di  Mazzocchi in un quasi inedito attacco a 3. Ma se, invece, recupererà in tempo Bianchetti, tutto il discorso verrebbe a cadere, con l’innesto, magari di  Pini in mediana. Diverse, dunque, le soluzioni.
Esordio assoluto in campionato, invece, per la Castellana, che si presenta sul campo dell’Orsa Iseo con qualche defezione, per esempio quella del difensore  Pellini, mentre potrebbero essere recuperati in extremis  Pini, Brentonico e  Piubeni. «Partire con una trasferta di questo tipo non è facile per noi - dice il tecnico  Francesco Vincenzi - però dobbiamo incontrarle tutte, prima o poi. L’Orsa è una formazione che conosco abbastanza, per i giocatori che schiera. Non dobbiamo farci condizionare dal risultato della scorsa domenica (gli iseani hanno perso 4-0 contro il Vobarno  ndr): è un punteggio bugiardo, tant’è vero che poi si è vista da parte loro una reazione netta in Coppa, dove hanno vinto. Quindi occorre la massima attenzione da parte nostra, non dobbiamo lasciare nulla al caso. Proveremo a muovere sin da subito la classifica». Ma l’Orsa è ferita, guai a fidarsi troppo. 
Vincenzi potrebbe riproporre la difesa a 3, marchio di fabbrica in questo primo scorcio di stagione, con un duo di giocatori esperti come  Calzoni e  Napolano (in porta l’altro veterano biancoceleste  Bonizzi), più il giovane  Chiari, già titolare fisso lo scorso anno. A centrocampo ballottaggio tra  Gyamfi e  Parisio sull’out di sinistra del centrocampo a 5 (a destra, invece, l’esperto  Mambrin avanzato sulla linea della mediana), in mezzo la cerniera potrebbe essere composta da  Franco-Pini-Brentonico. In attacco invece le carte paiono essere piuttosto scoperte, con  Masserdotti a sostegno dell’unica punta  Ottolini-

Redazione Sport
Commenti