Provincia
Giovedì a Pegognaga
Fusione Zara e Po, dibattito tra le opposizioni
pubblicato il 9 luglio 2018 alle ore 12:42
immagine
Fusione Zara e Po, dibattito tra le opposizioni

Pegognaga Dopo la serie di dibattiti organizzati dai Comitati del Sì e del No fusione, dalle due amministrazioni comunali di Pegognaga e Motteggiana e dal Pd pegognaghese, anche le opposizioni consiliari, l'Alternativa e Insieme per il cambiamento, nonché una nuova sigla denominata "Amici Civici di Pegognaga e Motteggiana" organizzano un incontro pubblico per giovedì 12 luglio presso la sala civica Bombetti di piazza Vittorio Veneto a Pegognaga, alle ore 21, sul tema "Fusione é per sempre, votiamo consapevoli". Interverranno Antonio Badolato, già sindaco di Curtatone e Romano Bondavalli, portavoce del Comitato NO-Grande Mantova. Molte le domande che i "Civici uniti per Pegognaga e Polesine" anticipano in un volantino. Ad esempio un quesito, posto più volte nei vari dibattiti: «Perché e per quali motivi non é stata fatta l'unione dei sei comuni Gonzaga Moglia Motteggiana Pegognaga S. Benedetto Po Suzzara?»
Al quale é stato risposto per la verità in modo poco soddisfacente. E cioé che pur avendo tutti sei sovvenzionato lo studio di fattibilità, i quattro comuni più densamente popolati non hanno ritenuto di dare corso all'unione e quindi nemmeno alla fusione. Mai nessuno, però, dei quattro ne ha motivato le ragioni. Si prospetta dunque una serata di intensa riflessione su un tema, quello della fusione tra Pegognaga e Motteggiana, che sta tenendo banco in modo sempre più sentito; non solo all’interno dei due comuni piuttosto che nelle contrapposte fazioni favorevoli o meno alla fusione stessa, ma anche nei paesi circostanti, a riprova di come la nascita di un nuovo comune dalla fusione di Pegognaga e Motteggiana possa avere effetti importanti sull’equilibrio anche politico del territorio del Sinistra Secchia e di tutto il territorio mantovano.

Redazione provincia
Commenti