Sport
Calcio Promozione
Sporting, una settimana da incubo: allarme rosso infortuni
pubblicato il 14 settembre 2017 alle ore 21:08
immagine
Sporting, una settimana da incubo: allarme rosso infortuni

Goito  Non è iniziata sotto i migliori auspici la stagione dello Sporting, al suo primo anno di Promozione. Infatti, dopo l’infortunio di  Bisku domenica scorsa, si sono aggiunti quelli dell’altra sera, nella gara di Coppa Italia con il Castel d’Ario, di  Ekuban, Cappai e  Ambroso.
Come si ricorderà, Bisku nell’incontro di domenica scorsa nel derby della prima di campionato col San Lazzaro si è procurato la probabile rottura dei legamenti di un ginocchio; l’altra sera, nel terzo incontro di Coppa sono usciti anzitempo Ekuban, Cappai e Ambroso. I primi due lamentano problemi ad un ginocchio, mentre per il terzo dovrebbe trattarsi di uno stiramento muscolare. Da aggiungere che anche  Borgonovi, peraltro assente l’altra sera, non è nelle migliori condizioni. Per dire che Ekuban, Cappai, Ambroso e Bisku domenica, per la trasferta in casa del Valgobbiazanano, non saranno sicuramente a disposizione dell’allenatore  Alessandro Novellini, mentre saranno da verificare le condizioni di Borgonovi.
«Non posso dire - sostiene il vicepresidente  Federico Salvetti - che l’inizio della stagioni sia favorevole. Se da un lato gli infortuni non sono prevedibili né si possono imputare ai giocatori, sotto l’aspetto del gioco qualche problema si è manifestato. Esemplare in questo senso è la gara di Coppa di mercoledì sera. Se nella prima di campionato col San Lazzaro qualcosa ci è stato tolto dall’arbitro, col Castel d’Ario ho visto errori dei ragazzi che mi hanno lasciato perplesso. A mio modo di vedere, c’è un aspetto psicologico: infatti, venendo da due stagioni vincenti, non vorrei che i giocatori pensino che anche quest’anno sarà tutto facile come negli anni scorsi. Man mano che sali di categoria, se commetti errori hai sempre maggiori probabilità di pagare dazio. Pensiamo che ci dobbiamo salvare, non ad altro. Per quanto riguarda gli infortunati, vedremo cosa fare dopo aver accertato l’entità del danno».

Redazione Sport
Commenti