Provincia
Nei guai due rumeni di Pegognaga
Pesca di frodo, sequestrato laboratorio, reti e gommoni
pubblicato il 7 settembre 2017 alle ore 19:11
immagine
Pesca di frodo, sequestrato laboratorio, reti e gommoni

Pegognaga   I militari del Gruppo Forestale Carabinieri di Mantova, diretti dal Colonnello  Alberto Ricci , unitamente al personale delle stazioni di Pegognaga e di Suzzara, al personale del servizio di Vigilanza Ittico Venatorio della Provincia di Mantova e al personale della Fipsas., hanno dato esecuzione ad un decreto di perquisizione locale e personale, finalizzato al sequestro di materiale per l’attività piscatoria di frodo, commercio di sostanze alimentari contraffatte, commercio di sostanze alimentari nocive e vendita di sostanze alimentari non genuine, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Mantova.  Durante la perquisizione nel laboratorio di proprietà di un 48 enne ed un 28 enne rumeni del posto. Sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro otto gommoni di varia metratura, cinque chilometri di rete da pesca, otto bertovelli, cinque retini da pesca con manico isolato elettricamente, dodici remi, quattro batterie, due booster carica batteria, quattro pompe, sei metri di filo elettrico, tre motori fuori bordo, un furgone frigorifero. Nella circostanza è stato richiesto l’intervento del personale dell’A.S.T. Val Padana di Mantova, che ha proceduto al sequestro finalizzato alla distruzione di sedici quintali di pesce, poiché non idoneo alla commercializzazione, frutto di pesca di frodo , in parte la notte precedente ed in parte di alcune notti scorse. Inoltre il laboratorio ubicato sotto l’abitazione delle due persone è stato posto sotto sequestro a disposizione dell’ Autorità Giudiziaria competente.

 

Commenti